Breaking News

Vicenza, nuovi ufficiali nella polizia locale

Vicenza – Sembra che sia stato risolto l’annoso problema dei gradi nella polizia locale di Vicenza. Lo si è fatto con il riconoscimento di ventidue nuovi ufficiali. I ventidue sottufficiali della polizia locale cittadina diventano dunque ufficiali e, in base al criterio oggettivo dell’anzianità di servizio, acquisiscono i ruoli di vicecommissario, commissario e commissario principale. La decisione è stata presa presa dalla giunta comunale, e revoca un provvedimento della precedente amministrazione, risolvendo una questione che vedeva Vicenza ancora inadempiente rispetto alla normativa regionale.

“Portiamo a termine un lavoro complesso – ha detto il sindaco Francesco Rucco, che ha presentato il provvedimento insieme all’assessore alle risorse umane Valeria Porelli e al comandante Massimo Parolin – frutto di un proficuo dialogo instaurato con i sindacati della polizia locale, che ringrazio per la disponibilità a trovare un punto di equilibrio. La positiva soluzione di questa questione, che abbiamo ereditato dal passato con le relative tensioni, rientra nel percorso di riorganizzazione del comando avviato con il nuovo comandante con l’obiettivo di dare risposte sempre più puntuali ai bisogni della città”.

Il criterio principe per l’attribuzione dei gradi e dei distintivi diventa quindi l’anzianità di servizio. Tutto personale di categoria D acquisisce il ruolo di ufficiale e, in base all’anzianità, diventa vicecommissario (due stellette); commissario (tre stellette), commissario principale (torre e stelletta). Viene inoltre definito il ruolo di commissario capo con incarico di vice comandante (torre, due stellette e bordatura azzurra).

I 22 nuovi ufficiali vanno ad aggiungersi agli 8 già in servizio con questo ruolo. L’attribuzione di diversi gradi e distintivi, che spetta al comandante, avverrà a breve nel corso di una cerimonia: 1 ufficiale riceverà l’incarico di vice comandante, 9 di commissario principale, 10 di commissario, 10 di vice commissario. All’attribuzione dei gradi corrisponderà una riorganizzazione dei compiti e delle responsabilità, ma non un aumento di stipendio: secondo quanto prevede la legge regionale, infatti, i distintivi di grado hanno funzione simbolica e non incidono direttamente sullo stato giuridico ed economico del dipendente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *