Breaking News

Vicenza, Magellano e Pigafetta 500 anni dopo

Vicenza – Si celebrano, a Vicenza, nei prossimi giorni, i 500 anni della spedizione di Ferdinando Magellano. Si tratta di una serie di iniziative, in programma dal 20 al 22 settembre, organizzate, con la collaborazione del Comune di Vicenza, dall’associazione culturale Pigafetta 500, nata nel luglio 2018 per diffondere la conoscenza della impresa di Magellano e in particolare del ruolo avuto da Antonio Pigafetta. La ricorrenza del 20 settembre, data di partenza della spedizione, sarà comunque celebrata in tutto il mondo, poiché rappresentò una svolta epocale per tutta l’umanità.

Lo stretto di Magellano
Lo stretto di Magellano

Il progetto delle celebrazioni vicentine è stato presentato questa mattina, a Palazzo Trissino, dove erano presenti il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, l’assessore alle attività produttive, Silvio Giovine, il presidente dell’associazione Pigafetta 500, Stefano Soprana, e il presidente della Biblioteca Bertoliana, Chiara Visentin. Tutti i dettagli sono disponibili sul sito www.pigafetta.it. La manifestazione sarà documentata anche su Facebook e Instagram.

“Partito per una circumnavigazione del globo con Magellano – ha sottolineato il sindaco -, Pigafetta è stato uno pochi superstiti e testimoni oculari di un viaggio difficile e importante. Ringrazio l’associazione Pigafetta500 e i vari enti, associazioni e sponsor che hanno collaborato e sostenuto l’iniziativa. Pochi giorni fa, in occasione del recupero del monumento a lui dedicato, ho potuto constatare che, purtroppo, Pigafetta è poco conosciuto tra le giovani generazioni, pur essendo stato un precursore dei capitani di impresa che oggi portano il nome di Vicenza nel mondo”.

“L’organizzazione di questo bellissimo progetto è stata una corsa contro il tempo – ha poi ricordato l’assessore Giovine –. Quello che si terrà dal 20 al 22 settembre è il primo appuntamento di un ciclo triennale di eventi che caratterizzerà la nostra città fino al 2022. Abbiamo voluto sviluppare le celebrazioni del cinquecentenario su due direttrici: da un lato la rievocazione storica valorizzando quello che ha rappresentato Pigafetta con la sua impresa; dall’altro la proiezione che ha Pigafetta ai giorni nostri. È stato, infatti, un precursore dei capitani di impresa, ma anche un grande comunicatore, raccontando nel suo diario uno dei viaggi più importanti della storia”.

“Si tratta di un cinquecentenario di interesse globale – tengono a sottolineare gli organizzatori -. Mentre Spagna e Portogallo si contendono la figura di Magellano, noi possiamo raccontare la storia poco nota di un uomo del Rinascimento, il nostro Pigafetta, giovane intraprendente e attento, che sfidò l’ignoto mosso da uno spirito di genuina ricerca e curiosità, e che ci ha lasciato nella sua Relazione del primo viaggio attorno al mondo una straordinaria documentazione della prima circumnavigazione del globo, una emozionante avventura attraverso cui l’uomo europeo è entrato in contatto con popolazioni mai viste, lingue mai udite, cibi mai gustati prima”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *