venerdì , 26 Febbraio 2021

“Misure nazionali contro la cimice asiatica”

Intervento del consigliere regionale e coordinatore di Fratelli d’Italia Sergio Berlato a commento dell’iniziativa presa dalla giunta veneta contro la diffusione della cimice asiatica…

*****

Venezia – Lodevole la variazione di bilancio con cui la giunta regionale del Veneto ha disposto lo stanziamento di ulteriori due milioni di euro per le azioni di prevenzione e contrasto alla proliferazione della cimice asiatica, insetto che sta letteralmente devastando le coltivazioni frutticole ed orticole dell’Italia settentrionale ed in particolare nel Veneto. Temiamo però che l’intervento, se non accompagnato da più corpose misure economiche a livello statale ed europeo, si riveli come una goccia d’acqua nel deserto e quindi totalmente insufficiente rispetto ai danni diretti patiti dai produttori veneti stimati intorno ai cento milioni di euro, ai quali si devono aggiungere i danni indiretti relativi alla perdita di quote di mercato da parte delle nostre produzioni ortofrutticole.

Oltre alle necessarie risorse per finanziare la ricerca di prodotti efficaci a contrastare la proliferazione della cimice asiatica, compresa l’immissione nel territorio di insetti antagonisti, come la vespa samurai, sono necessari interventi economici immediati per scongiurare la chiusura delle nostre imprese agricole flagellate dalla cimice asiatica, con danni che spesso arrivano al cento per cento delle produzioni.

In questo momento difficile per i nostri produttori, riteniamo disdicevole il tentativo di scaricare le responsabilità su altri livelli istituzionali. In questi momenti ognuno deve fare bene e subito la propria parte, tralasciando appartenenze politiche o partitiche e privilegiando la ricerca di un futuro dignitoso per i nostri produttori. Bisogna far presto ed evitare che l’ambulanza arrivi sul posto dell’incidente quando il ferito è già morto dissanguato.

Sergio Berlato – Presidente terza Commissione permanente del consiglio regionale del Veneto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità