Breaking News

Il jazz del Pedrollo in Basilica per Vicenzaoro

Vicenza – Anche il Conservatorio Arrigo Pedrollo parteciperà al ricco calendario di appuntamenti proposto nell’ambito della nuova edizione di VicenzaOro, in programma dal 7 all’11 settembre nei padiglioni fieristici e, tramite le iniziative di Vioff, nel centro storico della città berica. Come lo scorso anno, l’istituto musicale del territorio sarà rappresentato da una delle sue eccellenze, il Dipartimento di jazz.

La formazione che sabato 7 settembre, alle 19, sul loggiato del piano nobile della Basilica palladiana, darà il via all’Opening cocktail della manifestazione fieristica, sarà The Golden Quintet, ensemble di recente costituzione che brilla già di luce propria e che debutterà nell’occasione.

Il gruppo è composto da Sara Fortini (voce), Leonardo Franceschini (chitarra), Andrea Ragnoli (pianoforte), Manuel Stabile (contrabbasso) e Matteo Bortolussi (batteria) e proporrà un repertorio di brani celebri come “All of me”, “The girl from Ipanema”, “Desafinado”, “Chega de Saudade”, “Fly me to the moon,” “On the sunny side of the street”, “Body And Soul” e altre composizioni di autori quali Charlie Parker, Dizzy Gillespie, Miles Davis e Sonny Rollins.

Il dipartimento jazz del Pedrollo, con sei cattedre e nove docenti considerati tra i più validi jazzisti italiani, è il più grande in Veneto e uno dei maggiori in Italia. Merita anche segnalare che la società che gestisce Fiera di Vicenza,  Italian Exhibition Group SpA (Ieg), ha appena finanziato una borsa di studio riservata agli studenti diplomati in Jazz primo livello del Pedrollo.

“La sinergia tra enti ed istituzioni – ha sottolineati, in proposito, il direttore del conservatorio vicentino, Roberto Antonello, – determina le condizioni per valorizzare la creatività e la formazione accademica in ambito artistico. Anche il conservatorio, con la sua specificità musicale, così come il settore orafo con il design e know-how specifico, sono simboli dell’eccellenza vicentina. Ringraziamo Ieg per aver scelto di sostenerci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *