Breaking News

“Su Aim, ennesimo cambio di rotta in pochi mesi”

Vicenza – Sarà probailmente l’argomento più incandescente della ripresa del dibattito politico a Vicenza, dopo l’estate. Forse addirittura, secondo alcuni, sarà il tema sui cui potrebbe esplodere, in autunno, una devastante crisi politica per l’amministrazione Rucco. Parliamo del futuro di Aim, della ipotizzata, ed anche contestata, aggregazione con la veronese Agsm, o comunque di altre possibili aggregazioni per la multiutility vicentina.

Della questione comunque si è parlato anche, in consiglio comunale, giovedì sera, mentre giovedì prossimo, 18 luglio, la riunione della Commissione Controllo e garanzia sarà dedicata al piano industriale ed alle ipotesi aggregative per Aim. Intanto, lo scottante tema è al centro di una interrogazione, presentata dal consigliere comunale di centrosinistra Raffaele Colombara…

“Il sindaco Rucco – si legge nell’interrogazione – , di fronte al consiglio comunale di Vicenza, dichiarava di essere in attesa di un documento redatto da un advisor, Roland Berger, dal quale avere valutazioni e segnalazioni su altre aziende in grado di diventare partner di Aim e Agsm per avviare un processo aggregativo più ampio. Apprendiamo che, nelle stesse ore, lo stesso documento era giàall’esame del cda di Agsm, che ne discuteva i termini”.

“Non solo – continua Colombara -: tra le righe di un fumoso comunicato congiunto Agsm-Aim diffuso ieri,ed apparso ai più di difficile interpretazione per la vaghezza di quanto annunciato (probabilmente affidato ad uno stagista poco addentro alla questione), riusciamo ad intuire che le due società intendono proseguire lungo la strada indicata dal documento prodotto dall’advisor, e cioè verso la mai nominata A2A…”

“Apprendiamo infine, che ancora lo scorso 4 luglio, con una lettera che sarebbe stata recapitata ai sindaci Sboarina e Rucco, era stata manifestata una proposta di collaborazione e di alleanza strategica con Aim e Agsm da parte dell’altoatesina Alperia e della trentina Dolomiti Energia.

Colombara, fa notare come tutto questo susciti perplessità e sollevi alcuni interrogativi, che gira alla giunta Rucco nella sua interrogazione. Sono molti i questito che il consigliere di minoranza pone all’amministrazione e tutti molto concreti e specifici…

“Siamo all’ennesimo cambio di rotta in pochi mesi – è la sua conclusione -, che sembra, anche in questo caso, più subito che voluto dal nostro sindaco. Una mancanza di strategia che Aim e i vicentini rischiano di pagar salato. Di salato, sicuramente, ci sarà il conto per tutte le consulenze che verranno pagate dai contribuenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *