Breaking News

Non fa lo scontrino. Guai per un ristoratore

Bassano del Grappa – I finanzieri del Comando provinciale di Vicenza hanno applicato un provvedimento di sospensione dell’esercizio dell’attività per 3 giorni nei confronti di una società che gestisce un ristorante sito nel centro cittadino di Bassano del Grappa.

Il provvedimento amministrativo è stato notificato a H.D., 30enne di etnia cinese titolare del ristorante sushi, ed è stato emesso dal direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate dopo che le Fiamme Gialle bassanesi aveva trovato di quattro distinte violazioni all’obbligo di emissione dello scontrino fiscale, tra novembre 2016 e febbraio 2019.

La norma specifica prevede, in casi del genere, oltre alla sanzione principale, irrogata a prescindere dal numero di violazioni riscontrate, commisurata al 100% dell’Iva evasa in base al valore del bene o del servizio ceduto e comunque non inferiore a € 516 per ogni documento fiscale non emesso, la sanzione accessoria della sospensione della licenza o dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività ovvero dell’esercizio dell’attività per un periodo da 3 a 30 giorni quando l’esercente incorra, nell’arco di un quinquennio, in quattro distinte violazioni connesse alla mancata emissione dello scontrino o della ricevuta fiscale.

“La sanzione accessoria comminata al ristoratore cinese – spiega la Guardia di Finanza – è conseguenza dell’intensificazione dei controlli in materia di regolare emissione di scontrini e ricevute fiscali nei confronti di soggetti economici operanti in concorrenza sleale nel mercato interno e tenuti pertanto allo specifico adempimento, dalla quale scaturisce la proposta di sospensione per coloro i quali violano la norma per quattro volte in un quinquennio”.

I militari del Gruppo di Bassano del Grappa, nel solo 2019, hanno proposto alla competente Direzione Regionale dell’Agenzia delle Entrate, tra le altre, quattro sospensioni dell’attività nei confronti di altrettanti commercianti o esercenti al dettaglio di nazionalità cinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *