Breaking News
Recoaro ed il suo Stabilimento termale - Foto: Lucamenini (creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/deed.en)
Lo stabilimento termale di Recoaro in una immagine d'archivio - Foto: Lucamenini (CC 3.0)

Terme di Recoaro, dopo le promesse servono i fatti

Recoaro Terme – “Le parole dell’assessore Forcolin sul futuro delle Terme di Recoaro, in teoria, sono rassicuranti, perché è quello che chiediamo, sia noi che l’intero territorio. Però adesso servono i fatti, le promesse di concessioni trentennali ci sono già state e sono rimastesulla carta. La comunità è già stata tradita, e non potranno essere tollerate altre bugie”.

Sono parole di Cristina Guarda, consigliera regionale della Lista Amp, e di Stefano Fracasso, capogruppo del Partito Democratico in consiglio regionale, pronunciate a commento della risposta all’interrogazione sul futuro delle Terme di Recoaro, dopo l’affidamento stagionale fino al prossimo 30 settembre.

“Ci auguriamo – aggiungono i due consiglieri – che stavolta quella dell’assegnazione ultra trentennale non sia una favola: l’ultimo bando, andato deserto era di appena diciotto mesi, quello precedente di tre anni e hanno mortificato la disponibilità dimostrata dalla comunità. Ci sono imprenditori locali che hanno investito migliaia e migliaia di euro sviluppando un business plan, costruito anche sulla base della parola data dallo stesso assessore, poi tradita da un bando che non rispondeva a quanto dichiarato in precedenza”.

“Per rilanciare il complesso termale – concludono Guarda e Fracasso -servono tempi che permettano agli imprenditori di rientrare degli investimenti e fondi adeguati da parte della giunta, visto che il depauperamento è stato causato evidentemente dalla malagestione regionale. Gli interventi di recupero e riqualificazione di Villa Tonello e del Parco sono un primo passo, ma non bastano. Speriamo che finalmente la maggioranza sia rispettosa della parola data, per garantire un futuro a un comparto fondamentale per l’economia di tutta la Valle dell’Agno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *