Vicenzareport

Precariato, è la vera emergenza italiana

Vicenza – Mentre il potere, in Italia, inganna sistematicamente i cittadini da anni, facendo loro credere che esista una emergenza migranti, una invasione da paesi stranieri che metterebbe a rischio il nostro benessere, i problemi veri restano nascosti e non affrontati. Uno dei più gravi e pressanti è il lavoro, soprattutto le possibilità di inserimento sul mercato di giovani professionalità.

In altre parole  si nega un futuro agli italiani, ai loro figli quantomeno, troppo spesso costetti a fuggire all’estero. E chi non lo fa, quando va bene, deve adattarsi ad un precariato continuo, che quasi non lascia speranze per chi non è, o non vuole esserlo per un questione di dignità, un “amico degli amici”.

Vicenza non fa eccezione, tanto che ormai qualcuno comincia a non poterne più e a protestare. E così i giovani precari vicentini chiedono rispetto e dignità con una “Accampada”, sabato sera, 29 giugno, alle 21, nell’esedra di Campo Marzo, lato Viale Eretenio, in concomitanza con il Festival di Campo Marzo. 

Sono i ‘’Giovani con esperienza’’, un gruppo di ragazzi precari che portano in giro per la città il loro grido ‘’Così non si lavora!’’ e che hanno tenuto una partecipata esperienza due settimane fa, in Piazza Castello.

“Alla nostra prima assemblea – spiegano – hanno partecipato più di cento persone, a conferma che quello del lavoro è un tema scottante e sentito. Abbiamo deciso di cambiare piazza poiché è naturale per noi portare l’Accampada in diversi luoghi della città: con la precarietà devi adattarti; non sapere dove saremo tra un mese o fra un anno, quando ci scadrà il contratto, per noi è la norma.  La nostra protesta non poteva che essere itinerante e nomade come la nostra vita”.

La parola d’ordine di questi giovani è: rispetto. Che si declina anzitutto in un contratto e un salario dignitoso per tutti. La loro protesta, chiamata appunto Accampada, si presenta in una forma inedita per l’Italia: tende piantate da sera a mattina per dare vita ad un presidio democratico, un luogo di incontro e di confronto anche con chi giovane non è più, ma ugualmente non si ritiene soddisfatto delle proprie condizioni di vita. A partire dal lavoro, che anche quando c’è, non sempre garantisce quell’esistenza libera e dignitosa promessa dall’Articolo 36 della Costituzione. 

“Non ne possiamo più – mettono in evidenza i giovani precari – di sentirci presi in giro dai contratti che ci vengono propinati dai datori di lavoro: tirocini non più pensati come momenti di formazione ma come forme di lavoro non pagate o sottopagate, finte partite iva per scaricare sul lavoratore gli oneri fiscali, contratti nel mondo dell’istruzione rinnovati di anno in anno, di scuola in scuola, per non parlare del lavoro in nero”.

I Giovani con esperienza hanno scelto di rilanciare il secondo appuntamento nel capoluogo berico tramite il tam tam sui social, ma anche con volantinaggi in stazione e nelle zone residenziali. Il gruppo si riunisce ogni venerdì sera ed ha elaborato un documento con cinque richieste che chiamano in causa il sistema economico e politico del Paese. Promettono di scendere in piazza ogni venerdì finché non saranno ascoltati.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button