Breaking News

Centro di salute mentale di Schio, critiche dal Pd

Schio – “Grande apprensione le notizie che riguardano la chiusura del Centro di salute mentale di Schio, servizio che svolge un ruolo essenziale e molto delicato, rivolto alle famiglie del territorio che convivono con il disagio e con la malattia mentale”.

E’ quanto esprime oggi, a commento delle decisioni della Ulss 7, il consigliere comunale di Schio Lenardo Dalla Vecchia, capogruppo del Partito Democratico nell’assise scledense, che non manca di rilevare che l’attività nel territorio potrebbe essere ripresa “appena possibile e compatibilmente con il reperimento delle risorse specialistiche , sarà ripresa l’attività ordinaria in tutto il territorio”

“Possiamo intuire – commenta – che se le risorse specialistiche non si trovassero, la Ulss 7 ritiene plausibile la cessazione del servizio in via definitiva. Ci chiediamo se la Ulss non avrebbe potuto organizzare un’apertura alternata dei centri di Schio e di Thiene, e non vorremmo che, dietro al pretesto della mancanza di personale, ci fosse una decisione politica di una regione a guida leghista che vuole punire il nostro territorio”.

“Durante tutta la recente campagna elettorale – continua Dalla Vecchia –  abbiamo continuamente denunciato che, con la nuova Ulss Pedemontana, i servizi territoriali dell’ex-Ulss 4 sarebbero stati a rischio, e per questo, abbiamo lanciato una raccolta firme. Ancora in maggio abbiamo scritto al presidente del consiglio regionale per chiedere di poter presentare ai capigruppo del consiglio regionale le nostre istanze e le 4203 firme raccolte, iniziando così a concretizzare l’impegno preso con Schio e tutto l’altovicentino per difendere l’ospedale e i servizi socio-sanitari del nostro territorio”.

“Dopo il Centro di salute mentale – conclude l’esponente del Pd -, quali altri servizi verranno ridimensionati, appaltati a privati o cancellati sempre con la scusa della carenza di personale? Il pronto soccorso? Raccogliendo le preoccupazioni degli utenti, e per essere di aiuto anche ai nostri amministratori locali, abbiamo sollecitato il gruppo del Partito Democratico in consiglio regionale affinché venga depositata un’interrogazione per fare chiarezza sul caso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *