Breaking News

Vicenza, on line il nuovo bando per gli alloggi Erp

Vicenza – E’ on line, a questa pagina, il nuovo bando di concorso del Comune di Vicenza per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica. Le domande andranno presentate tra il 20 maggio e il 18 luglio, con proroga al 31 luglio per i lavoratori italiani emigrati residenti all’estero.

A presentare le peculiarità del nuovo bando che, secondo la normativa regionale, prevede per la prima volta la residenza anagrafica in Veneto da cinque anni, è l’assessore alla famiglia e alla comunità Silvia Maino. “Accanto ai criteri stabiliti dalla Regione per l’accesso e l’attribuzione dei punteggi – ha ricordato – anche il Comune ha potuto definire come distribuire 8 dei punti a disposizione. La scelta del consiglio comunale è stata quella di riservarli, in particolare, a famiglie che vivono da molti anni in città, formate da anziani, con persone svantaggiate per problemi psico sociali o con disoccupati ultracinquantenni”.

“Senza precludere l’accesso a nessuno – ha concluso Maino -, questa piccola riserva di punti legata alla territorialità ci è sembrata un doveroso gesto di attenzione nei confronti di chi per anni, lavorando e pagando qui le tasse, ha contribuito anche a costruire gli alloggi di cui oggi ha bisogno”.

Possono partecipare al bando i cittadini italiani, quelli di stati appartenenti all’Unione europea regolarmente soggiornanti in Italia e loro familiari, i titolari di permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo, i titolari dello status di rifugiato e dello status di protezione sussidiaria, gli stranieri regolarmente soggiornanti in possesso di permesso di soggiorno, almeno biennale, e che esercitano una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo.

I richiedenti devono, inoltre, essere in possesso di residenza anagrafica in Veneto da almeno 5 anni, anche non consecutivi e calcolati negli ultimi 10 anni, fermo restando che il richiedente deve essere residente nel Veneto alla data di scadenza del bando; non essere stati condannati per il reato di “invasione di terreni o edifici” nei precedenti 5 anni; non essere titolari di diritti di proprietà, di usufrutto, di uso e di abitazione su immobili adeguati alle esigenze del nucleo familiare ubicati nel territorio nazionale o all’estero.

Non devono, inoltre, essere stati assegnatari in proprietà, immediata o futura, di un alloggio realizzato con contributi pubblici, o non aver avuto precedenti finanziamenti pubblici di edilizia agevolata, in qualunque forma concessi, salvo che l’alloggio sia inutilizzabile o distrutto non per colpa dell’assegnatario; devono avere una situazione economica del nucleo familiare, rappresentata dall’Isee-Erp, del valore non superiore a 20.000 euro, non aver ceduto o sublocato, in tutto o in parte, fuori dei casi previsti dalla legge, l’alloggio di edilizia residenziale pubblica assegnato.

Da lunedì 13 maggio i cittadini interessati a partecipare al bando potranno trovare le istruzioni per la presentazione della domanda sul sito del Comune, presso i servizi sociali e l’ufficio Abitativi in contra’ Busato (da lunedì a venerdì dalle 10 alle 12.30, martedì e giovedì anche dalle 16 alle 18), all’ufficio relazioni con il pubblico (Urp) in piazza Biade (lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 8.30 alle 12.30, mercoledì dalle 10 alle 14, martedì e giovedì dalle 16.30 alle 18) e nelle sedi delle circoscrizioni 2-3-4-5-6-7 da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12.30.

Da lunedì 13 maggio si potrà inoltre fissare l’appuntamento per la compilazione della domanda informatica con l’assistenza del personale comunale. Si potrà richiedere l’appuntamento online, a questo link, oppure chiamando il numero 0444221750 (attivo da lunedì a venerdì dalle 12 alle 13).

La domanda potrà anche essere inviata attraverso raccomandata A/R o via pec, compilando il modulo disponibile solo online sul sito del Comune. Tutti i dettagli si possono reperire a questa pagina

Un commento

  1. Salahat naser ali ahmad

    Quando si può sapere il risultato risultato della domanda del bando casa popolare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *