Breaking News

Ulss 8, ecco il bilancio. “Gestione virtuosa”

Vicenza – Un esercizio in attivo di circa 1,3 milioni di euro; oltre 19 milioni di investimenti; 10,3 milioni accantonati per investimenti futuri. Inoltre, 169 mila utenti  si sono rivolti ai quattro reparti di pronto soccorso presenti sul territorio, mentre 40 mila e 500 sono state le operazioni chirurgiche sul complesso dei blocchi operatori dell’azienda. Sono questi i dati più significativi sull’attività della Ulss 8 Berica, che ha presentato oggi il bilancio 2018 durante una conferenza stampa che si è tenuta all’ospedale San Bortolo di Vicenza.

Presente al completo la direzione generale dell’azienda sanitaria (nella foto sopra): il direttore generale, Giovanni Pavesi, il direttore amministrativo, Tiziano Zenere, il direttore sanitario, Salvatore Barra, e il direttore dei servizi socio sanitari, Giampaolo Stopazzolo. È intervenuto anche Martino Montagna, presidente della Conferenza dei sindaci della Ulss 8.

“Un bilancio virtuoso – è stato spiegato -, che nel triennio dal 2016 al 2018 ha sempre evidenziato un trend positivo. Nel 2018 c’è stato l’utile più rilevante, di 1.286.812 euro, con un valore della produzione di 960.301.044 euro superiore ai costi, che sono stati di 959.014.232 euro. Sempre nello scorso anno, a valere sull’anno precedente, è stata segnata una crescita dei contributi in esercizio: da 808.450.484 euro (nel 2017) a 818.722.614 euro (nel 2018). Ciò significa che la Ulss 8 Berica ha messo da parte un tesoretto di 10.272.130 euro, necessario a promuovere investimenti mirati nel prossimo futuro”.

Relativamente all’incidenza dei costi di produzione 2018 (959.014.232 euro), al primo posto ci sono i costi di servizi e le prestazioni sanitarie e socio-sanitarie (32,7%), a seguire i costi per il personale (29,7% e infine i costi per l’acquisto dei beni (15%). Sul versante degli investimenti, nel 2018, il valore economico è stato di 19.147.868 euro, con il 58,1% dedicato all’acquisto delle attrezzature sanitarie; il 21,6% ai lavori di manutenzione e agli immobili; il 12,6% alla gestione dell’area informatica. Il valore degli investimenti per il 2019, invece, è di 21.499.524 euro.

L’Ulss 8 Berica, nello scorso anno, ha impiegato una media di 48 giorni per pagare i propri fornitori. La mobilità attiva, +940 mila euro sul 2017, è cresciuta del 2,1%. La mobilità passiva – 1.990.000 euro, è diminuita invece del 4,9% sul 2017. Sul fronte delle prestazioni, i ricoveri nelle strutture ospedaliere dell’ULSS 8 Berica sono stati 50.824, per un valore della produzione di 208 milioni e 300 mila euro (+5 milioni e 500 mila euro, il 2,7% in più rispetto al 2017).

Le prestazioni cliniche sono state invece 1 milione e 132 mila, per un valore della produzione di 62 milioni e 600 mila euro (+700 mila euro, l’1,1% in più rispetto al 2017). Il totale degli accessi al Pronto soccorso, nel 2018, è stato di 169 mila utenti, con una media giornaliera di 460 (+0,3% rispetto al 2017). Gli interventi chirurgici sono stati 40 mila e 500, +5,4% rispetto al 2017. Anche l’assistenza nel territorio della Ulss 8 presenta numeri importanti: su un ventaglio di 490.358 persone assistibili, sono 314 i medici di base dislocati in tutta l’area di competenza; 56 i pediatri di libera scelta; 155 i medici specialisti in convenzione che garantiscono la continuità assistenziale.

Gli utenti che nell’anno passato si sono rivolti ai consultori familiari sono stati 6.480; 1.040 per la tutela minori; 3.080 si sono rivolti al servizio per le dipendenze. Di 3.383 il numero delle persone che hanno usufruito dei servizi dell’area anziani e delle attività nei centri di servizi per non autosufficienti. Gli utenti assistiti dall’area disabili delle strutture dell’azienda sanitaria sono stati 1.175; 6.050 gli utenti seguiti dall’area salute mentale; circa 11.300 le persone che hanno usufruito dell’assistenza domiciliare integrata.

Nell’anno 2018 il Dipartimento di prevenzione della Ulss Berica ha effettuato 7.510 screening Pfas di 1° livello e 110.481 vaccini con il Servizio Igiene e Sanità Pubblica (Sisp). Lo Spisal (Servizio prevenzione igiene e sicurezza negli ambienti di lavoro) ha compiuto 1.504 sopralluoghi e 597 inchieste per infortuni. Sono state 1.089 le ispezioni Sian (Servizio igiene degli alimenti e della nutrizione) e 618 Siapz (Servizio igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche). Il Sia ha eseguito 10.159 tra controlli e ispezioni. Sono state inoltre 26.717 le commissioni di medicina legale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *