Breaking News
Il panetto di hashish recuperato dagli agenti della polizia locale a Schio
Il panetto di hashish recuperato dagli agenti della polizia locale a Schio

Schio, lotta allo spaccio dalla polizia locale

Schio – Si mantiene sempre alta l’attenzione della polizia locale nel campo della prevenzione e della repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, soprattutto nei confronti degli studenti minorenni. A questo proposito, in accordo con i dirigenti scolastici, alcune pattuglie, con l’ausilio del pastore tedesco Rocky, che fa parte dell’unità cinofila antidroga della polizia locale, hanno compiuto diversi controlli a campione in alcuni istituti superiori.

Un’altra area costantemente monitorata è la stazione ferroviaria di Schio, luogo frequentato da numerosi studenti: dopo l’arresto, nei giorni scorsi, di uno spacciatore di cocaina, sono stati eseguiti ulteriori controlli e, nel primo pomeriggio di martedì 7 maggio, gli agenti hanno assistito allo spaccio di un panetto di hashish tra due stranieri, nei pressi dei binari.

L’acquirente ha poi cercato di fuggire: è stato inseguito in via Battaglione Val Leogra e bloccato in piazza Rossi, tra lo stupore delle numerose persone presenti. L’uomo aveva tentato di disfarsi di un panetto di hashish del peso di quasi un etto, che è stato recuperato e sequestrato. Lo spacciatore, pure lui fermato dagli operatori, è stato denunciato.

Per finire, nella mattinata di ieri, venerdì 10 maggio, la polizia locale ha notato la presenza, nella zona della stazione, di un noto spacciatore, il quale, alla vista degli agenti, ha tentato la fuga verso il retro della stazione. Bloccato da alcuni agenti che avevano cinturato l’area, l’uomo è stato trovato in possesso di sei dosi di hashish pronte per la vendita.

Gli agenti hanno compiuto una perquisizione domiciliare rinvenendo, nel garage dell’abitazione, un bilancino elettronico ed il coltellino usato per il frazionamento della sostanza stupefacente. Lo spacciatore è stato pertanto denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vicenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *