Breaking News
L'edificio della Banca del Gottardo, a Lugano, progettato dall'architetto Mario Botta
L'edificio della Banca del Gottardo, a Lugano, progettato dall'architetto Mario Botta

Caldogno incontra l’archistar Mario Botta

Caldogno – Un grande maestro dell’architettura internazionale ospite d’onore a Villa Caldogno per premiare i progetti sulla mobilità ciclabile ed econsostenibile del futuro, e tenere una lezione sull’evoluzione del paesaggio urbano. Sarà infatti l’archistar Mario Botta il protagonista della giornata di sabato 11 maggio, quando il salone nobile di Villa Caldogno ospiterà le premiazioni del concorso d’idee indetto nei mesi scorsi dall’amministrazione comunale caliudonense per reperire e confrontare le migliori ipotesi progettuali sullo sviluppo e il completamento dei percorsi ciclopedonali all’interno del proprio territorio.

Mario Botta
Mario Botta

Alle 10, l’architetto svizzero, ospite a Caldogno grazie alla sinergia tra il Comune e l’Ordine degli architetti di Vicenza, con il patrocinio della Provincia, terrà la sua lectio magistralis sul tema “La trasformazione delle città”. Botta, professionista pluripremiato e docente di fama internazionale, riconosciuto tra i migliori eredi contemporanei della tradizione di Le Corbusier e Luis Kahn, è tra i fondatori dell’Accademia di architettura di Mendrisio (Svizzera italiana), professore all’Ecole Polytechnique Fédérale di Losanna e alla Yale School of Architecture New Haven.

“Il tema della sua lectio magistralis – spiega in una nota il Comune di Caldogno – si sposa con quello del concorso di idee, che ha visto giovani architetti invitati a studiare lo sviluppo armonico e funzionale della mobilità ciclopedonale nel territorio calidonense”.

La votazione dei cittadini, tenuta tra dicembre 2018 e gennaio 2019, sommata alla valutazione tecnica, ha decretato il progetto vincitore: i cinquemila euro del primo premio saranno consegnati al lavoro sviluppato in team dagli architetti Giovanni Magnabosco, Giacomo Magnabosco, Beatrice Scarparo e Francesca Nicole Grendene. Secondo classificato il progetto dell’architetto Nicola Sutto, mentre il terzo posto è andato all’ingegner Luca Aceto. I progetti saranno illustrati al pubblico nel corso della mattinata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *