Breaking News
famila-schio-ragusa

Basket, vittoria in rimonta per il Famila Schio

Schio – Vittoria in rimonta per il Famila Wuber Schio in gara 1 di finale scudetto. Dopo aver indossato a lungo i panni delle inseguitrici, grazie ad un ottimo ultimo periodo, le scledensi hanno infatti sconfitto 69-64 le Aquile siciliane della Passalacqua Ragusa.

Il successo nel match, giocato ieri sera al PalaRomare, con palla a due alle 20.45, fa compiere alle scledensi il primo importante passo verso lo scudetto della stagione 2018/2019 di basket femminile. Le campionesse d’Italia in carica proveranno a bissare questo risultato venerdì, in gara 2. L’appuntamento è sempre al PalaRomare, per le 20.45.

Equilibrio è la parola che meglio descrive l’avvio di gara 1. A partire dal botta e risposta tra Kuster (piazzato) e Quigley (tiri liberi), fino al 10-10 del sesto minuto, le squadre non si sono mai distanziate di più di due punti. Negli ultimi due minuti del match le iblee tentano la fuga, mettendo a referto un break di 10-3, 13-20, che forza il time out di coach Pierre Vincent. Al rientro sul parquet, è Ragusa a far avanzare ancora il tabellone, per mano di Cinili, 13-22, ma prima della sirena, Lavender va a bersaglio dalla lunga distanza, 16-22.

Nei primi due giri di lancette del secondo periodo la Passalacqua dilata il suo vantaggio, portandosi a +11, 18-29. Mini break del Famila, griffato da Crippa e Gruda, che lima il passivo e riporta a contatto le arancioni, 26-31. La rimonta delle padrone di casa, però, non si concretizza. Schio deve fare i conti con un Ragusa che in questa fase è meglio organizzato in campo. Le scledensi comunque non si perdono d’animo e anche grazie a qualche iniziativa personale, vanno negli spogliatoi con un ritardo più che recuperabile, 34-43.

Le difese sono le protagoniste delle prime fasi della ripresa e il bel gioco ne risente. Il tabellone luminoso si muove a rallentatore, ma l’inerzia del match è nelle mani di Schio, che pian piano, cercando con pazienza la migliore soluzione di tiro, acciuffa le avversarie e mette la testa avanti, 46-45. Il vantaggio dura soltanto un battito di ciglia, perché Harmon e compagne sono leste nel ricacciare indietro le avversarie, 46-52. Due canestri da una parte (entrambi di Gruda, per il Famia) e due dall’altra (Gianolla e Formica), mandano in archivio il periodo sul 50-56.

Due centri (Quigley e Harmon) spalmati in quattro minuti di gioco determinano valgono il 52-58. Poi la gara si vivacizza. A dare il là alla rincorsa arancione ci pensa Battisodo, che con i piedi dietro l’arco firma il 55-58. Quigley rincara la dose (8 punti, per lei, in questo momento delicato), mentre Ragusa può contare solo sul contributo di Cinili: troppo poco per un Famila così vivo e propositivo, 65-62. La Passalacqua si perde tra falli inutili e conclusioni forzate e le scledensi possono festeggiare il successo.

Schio: Filippi ne, Fassina, Masciadri ne, Crippa 8, Gruda 12, Battisodo 5, Andrè 2, Dotto 6, Lavender 15, Quigley 21

Ragusa: Romeo 7, Consolini 2, Cinili 14, Formica 2, Rimi ne, Stroscio ne, Harmon 13, Gianolla 4, Soli ne, Hamby 8, Kuster 14

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *