Breaking News

Vinitaly, Di Maio allo stand del Veneto

Verona – Altra presenza significativa, e non priva di contenuto, oggi allo stand del Veneto, al Vinitaly, in corso a Verona. A visitare la vetrina del primo produttore vinicolo e primo esportatore d’Italia è infatti arrivato il vicepremier e ministro delle Attività produttive, Luigi Di Maio, anche lui, come avvenuto ieri per il premier Conte e l’altro vicepremier Salvini, accolto dal presidente della Regione Luca Zaia. Il governatore ha donato a Di Maio la bandiera del Veneto, affrontando con lui il tema dell’autonomia, non prima di averlo ringraziato per la vicinanza concreta e l’impegno profuso dal governo in occasione della devastante tempesta “Vaia”, che ha colpito il Veneto in autunno.

“A Di Maio – ha detto il presidente della Regione – ho ricordato che la richiesta di autonomia non è un semplice fatto identitario, ma qualcosa di ancora più profondo, qualcosa che ha portato a votare 2 milioni 328 mila veneti, che credo meriti una risposta, anche perché, per noi, è la madre di tutte le battaglie. Così come ha fatto ieri il presidente del Consiglio, anche Di Maio ha detto che i veneti avranno la loro autonomia, e di questo impegno l’ho ringraziato. Del vicepremier mi è molto piaciuto il riferimento alla necessità di rispettare la volontà popolare espressa con il referendum. Una frase di cui gli sono grato, un impegno che mettiamo in cornice”.

Riferendosi al Vinitaly e alla produzione vitivinicola, Zaia ha evidenziato al ministro che “qui si trova nell’epicentro di uno dei più grandi business mondiali, legato anche al concetto di ecosostenibilità e delle massime garanzie di qualità per il consumatore. Questo stand – ha concluso – rappresenta il Veneto dei record: prima regione d’Italia con 16,5 milioni di quintali di uva prodotta e 13,5 milioni di ettolitri, con 1 miliardo e 600 milioni di export, con 53 denominazioni presenti, con imprenditori di successo già proiettati al futuro, che si chiama sostenibilità, certificazione ambientale del prodotto, del vigneto e dell’intero processo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *