Breaking News

Parco della Pace, Rucco: “Eredità pesante”

Vicenza – “Il Parco della Pace rappresenta un’eredità pesante. Avremmo voluto fare altro, ma non possiamo mettere a repentaglio gli importanti finanziamenti statali previsti. Per questo andremo avanti con il progetto, concordando con progettisti e ditte alcune migliorie nei termini concessi dalla legge”. Così il sindaco di Vicenza Francesco Rucco, a poche ore dalla seduta della Commissione consiliare territorio che, presieduta dal consigliere Marco Zocca, farà il punto sullo stato di avanzamento del Parco della Pace.

“Senza stravolgere il progetto – ha precisato il sindaco – dopo la firma del contratto che avverrà a brevissimo chiederemo alle ditte aggiudicatarie di concordare, insieme ai progettisti, almeno due significative migliorie: l’accorpamento di tutti gli impianti sportivi a nord, per rendere più razionale la gestione di quell’attività, e l’individuazione nell’hangar 3 e nella zona circostante di un’area per la protezione civile e la gestione delle emergenze, comprensiva di pista per l’elisoccorso, deposito mezzi, area verde per le esercitazioni e per l’eventuale accoglienza degli sfollati. Sarà infine necessario ragionare sui parcheggi, perché gli attuali 300 posti auto sono davvero pochi”.

Rucco ha anche evidenziato l’assoluta mancanza, ad oggi, di un progetto di gestione della grande area, stimato dall’attuale amministrazione in almeno 500 mila euro annui. “A parte prevedere 100 mila euro all’anno per 5 anni a carico delle ditte aggiudicatarie dell’appalto per gli sfalci e la manutenzione delle strutture – ha ricordato – nessuno si è preoccupato di definire e trovare le risorse per l’indispensabile piano di gestione generale relativo ad apertura, chiusura, sorveglianza, pulizia, sicurezza di un parco così complesso. Toccherà a noi farlo, compartimentando l’area e stringendo accordi con realtà disponibili a gestirne le diverse zone e funzioni”.

Infine, in relazione alle prescrizioni mosse da Icomos sul sistema dei drenaggi e sulle modifiche del paesaggio, Rucco ha precisato: “Cercheremo migliorare il progetto tenendo conto anche di queste indicazioni che, tuttavia, ritengo essere le meno impattanti tra quelle presentate sulla città dal braccio operativo dell’Unesco”. La realizzazione del Parco della Pace è stata aggiudicata al raggruppamento temporaneo di imprese formato da Euroambiente di Pistoia (capogruppo mandataria) e dalle ditte Peverelli, Itaf, Maroso Enzo e Bettiol per un importo lavori di 7 milioni e 250 mila euro, finanziati per 5 milioni e 100 mila dal Cipe e per il resto dal bando Periferie.

Il costo totale dell’opera, comprensivo anche delle spese di progettazione, collaudo, sicurezza, Iva, è pari a 12 milioni e 300 mila euro, di cui 8 milioni e 600 mila euro finanziati dal Cipe e i rimanenti dal bando Periferie. Nelle prossime settimane sarà firmato il contratto. La consegna lavori avverrà entro i successivi 45 giorni. La realizzazione dell’opera è prevista in 360 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *