Breaking News
Rendering del futuro aspetto del ponte sul Guà, lungo la strada provinciale Montorsina
Rendering del futuro aspetto del ponte sul Guà, lungo la strada provinciale Montorsina

Strada Montorsina, 1,4 milioni per i lavori sui ponti

Montecchio Maggiore – Operazione sicurezza lungo la strada provinciale “Montorsina”, arteria che collega i Comuni di Montecchio Maggiore e di Montorso Vicentino: la Provincia finanzierà infatti il rifacimento del ponte sul Guà e la sistemazione di quello sul Poscola.

Ammonta a 1,4 milioni di euro l’importo erogato dalla Provincia per risolvere i problemi di staticità dei ponti, risalenti alla fine dell’800, lungo la Montorsina, provinciale che dal marzo 2017, proprio a causa delle criticità strutturali riscontrate, è oggetto di un divieto di transito per i mezzi di peso superiore alle 3,5 tonnellate. Gran parte della cifra servirà per demolire e rifare il ponte sul Guà, che risulta il più compromesso; il ponte sul Poscola sarà invece oggetto di interventi riguardanti la carpenteria metallica (zincatura e sabbiatura delle superfici).

I lavori inizieranno in un periodo compreso tra il dicembre del 2019 e il gennaio 2020 (il bando verrà pubblicato entro il mese di ottobre) e comporteranno la chiusura della strada per circa otto mesi. “Siamo consapevoli che la chiusura comporterà disagi per cittadini ed imprese – ha sottolineato il consigliere delegato alla viabilità della Provincia, Davide Faccio – ma si tratta di un intervento che non era più procrastinabile e che è tra le priorità per l’area dell’Ovest Vicentino. Cercheremo di ridurre il più possibile i tempi di intervento, sulla scia del pragmatismo su cui si basa il mandato amministrativo del nuovo presidente Francesco Rucco”.

“Il nuovo ponte, lungo 35 metri – precisa una nota diramata in proposito dall’amministrazione comunale di Montecchio -, sarà a campata unica, con un impalcato prefabbricato e di prima categoria, quindi senza divieti legati al peso dei mezzi. Le travi di parete del ponte attuale saranno recuperate come memoria storica, ma avranno solo una funzione decorativa e non strutturale. La sede stradale sarà allargata per fare spazio anche ad un percorso ciclopedonale. L’opera è stata inserita nel piano quinquennale della Provincia presentato al Ministero delle Infrastrutture”.

Il progetto è stato illustrato questa mattina in Municipio alla Consulta associazioni economiche di categoria e organizzazioni sindacali, che nei mesi scorsi avevano sollevato perplessità riguardo i portali limitatori di sagoma (alti inizialmente 2,90 metri e poi portati a 3,20 metri) installati dalla precedente amministrazione provinciale prima dei ponti, per impedire il passaggio di mezzi al di sopra delle 3,5 tonnellate. Una soluzione che, secondo le categorie economiche, impediva il passaggio anche a mezzi agricoli e mezzi di trasporto che, pur essendo più alti dei portali, rispettano il limite di peso delle 3,5 tonnellate.

“Ponti più sicuri significa anche più sicurezza per i trasporti economici – ha affermato il vicesindaco e assessore alle attività produttive di Montecchio, Gianluca Peripoli -. Le aziende hanno bisogno di strade percorribili e sicure e questo intervento va proprio in questa direzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *