Breaking News

La Pasqua degli italiani a casa e a tavola

Vicenza – Il 65% dei vicentini passa la Pasqua a casa propria o da parenti ed amici, per consumare in compagnia il tradizionale pranzo, per il quale è stimata una spesa media di almeno 70 euro a famiglia. È quanto emerge dall’analisi Coldiretti Ixè “La Pasqua 2019 degli italiani a tavola”. Se due italiani su tre hanno scelto le mura domestiche per festeggiare l’appuntamento, non manca chi preferisce il ristorante o l’agriturismo.

Tornano le grandi tavolate, in media di otto persone, che nella stragrande maggioranza dei casi (80%) consumeranno un menù tradizionale, con piatti tipici regionali. Ma ci sarà anche un esiguo 5% che si mantiene a dieta in vista dell’estate ed un 3% che mangia vegano o vegetariano.

Da nord a sud le ricette della Pasqua caratterizzano l’intero paese. Dai tipici ovi e sparasi del nostro territorio agli gnocchi filanti in Piemonte, la minestra di brodo di gallina e uovo sodo e le pappardelle al ragù di coniglio in Toscana, ma anche la corallina, il salame tipico, accompagnata dalla pizza al formaggio mangiata a colazione in tutto il Lazio.

Se in Romagna sono di rigore i passatelli, in Molise è l’insalata buona Pasqua con fagiolini, uova sode e pomodori. In Puglia il principe della tavola pasquale è il Cutturiddu, agnello cotto nel brodo con le erbe tipiche delle Murge ed in Trentino le polpettine pasquali con macinato di agnello.

L’alimento più rappresentativo della tradizione pasquale resta comunque la carne d’agnello, servita in oltre la metà delle tavole. Il tradizionale pranzo di Pasqua rappresenta, infatti, un appuntamento determinante per la sopravvivenza dei pastori in Italia, anche in considerazione delle difficili battaglie che gli allevatori stanno affrontando per vedersi riconosciuto un giusto prezzo per il latte.

E tra i dolci sono immancabili la Colomba, scelta dal 70% delle famiglie, a pari merito con l’uovo di cioccolato. E quest’anno si assiste alla riscossa delle specialità regionali preparate in casa in quasi sei famiglie su dieci, nel rispetto delle tradizioni locali. “A vincere sono come sempre i menù della tradizione – mettono in evidenza il presidente di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola, ed il direttore, Roberto Palù, – con alimenti semplici e piatti non troppo elaborati, ma dai sapori che rievocano il nostro territorio, ricco di storia e cultura anche a tavola”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *