Breaking News

Basket, il Famila Schio vince gara 1 di semifinale

Schio – Un concreto Famila Wuber Schio ha conquistato gara 1 di semifinale scudetto piegando 61-47 un combattivo Fila San Martino di Lupari. E’ successo ieri sera, al PalaRomare, campo che ospiterà anche a gara 2 (giovedì 18 alle 20.30). Dopo un primo quarto equilibrato, che le padovane hanno chiuso in testa (20-21), nel secondo periodo le arancioni hanno ribaltato il risultato e scavato il solco grazie al parziale di 19-3.

Le ospiti hanno provato a recuperare, ma complice anche la fatica di aver giocato la decisiva e impegnativa gara 3 dei quarti di finale appena tre giorni fa, non hanno mai davvero impensierito le campionesse d’Italia in carica. Nell’altra semifinale l’Umana Reyer Venezia ha avuto la meglio sulla Passalacqua Ragusa, imponendosi al Taliercio con il risultato di 73-69.

E’ molto frizzante l’avvio del match delle 20.30. Melnika, Dotto, Webb e Quigley griffano infatti in rapida successione i primi quattro canestri, 4-4. Sulla nuova parità, 6-6, le Lupe cambiano marcia e, con uno sprint, doppiano le scledensi, 6-12. Le padrone di casa non ci stanno e riportano il match sui binari dell’equilibrio, 18-18. Il piazzato di Lavender vale il +2 del Famila, 20-18, tramutato però in un -1 dalla tripla di Pastore, allo scadere, 20-21.

Tanto combattuto è stato il primo periodo, quanto a senso unico il secondo. Una nebbia fitta ha infatti avvolto le Lupe, limitate dall’ottima difesa arancione. Zero i punti realizzati dalle ragazze di coach Abignente in sette minuti abbondanti. Il rendimento delle scledensi, invece, è in linea con il quarto precedente: Gruda, Battisodo, Lavender, Crippa e Quigley vanno a bersaglio mettendo in cascina 13 punti. Bottino che fa balzare il Famila a +15, 36-21. Divario che si mantiene inalterato al ventesimo, 39-24.

La ripresa non inizia nel migliore dei modi per il Famila: due errori, una infrazione di 24 secondi ed una di passi riassumono infatti i primi tre minuti e mezzo sul parquet. Il Fila non è certo impeccabile, ma grazie al piazzato di Keys e alla tripla di Tonello, lima il suo passivo, 39-29. San Martino ce la mette tutta, ma non riesce ad andare oltre il -8, 43-35. Da questo risultato Lavender, Quigley e Dotto rimpolpano il vantaggio di Schio, 50-37. Come già avvenuto nel primo parziale, le padovane accorciano le distanze con una tripla di Pastore sulla sirena, 50-40.

I canestri di Keys e di Gruda, spalmati in tre minuti di gioco, fanno muovere il tabellone, ma non mutano il distacco tra le due contendenti, che rimane di 10 punti, 52-42. Sul 54-42, capitan Masciadri scrive il suo nome a referto, infilando una tripla (57-45), imitata nell’azione successiva da Tonello, 57-45. Tanta confusione e un po’ di nervosismo (vedi il fallo tecnico fischiato a coach Abignente) nella seconda parte del periodo. Schio non brilla in attacco, ma la difesa continua a limitare efficacemente le giallonere. Al PalaRomare finisce 61-47 e la testa è già a gara 2.

Schio: Filippi, Fassina 4, Masciadri 3, Crippa 4, Gruda 14, Battisodo 7, Andrè, Dotto F. 6, Lavender 10, Quigley 13

San Martino di Lupari: Dotto C. ne, Webb 2, Fietta, Tonello 10, Keys 12, Melnika 8, Milani, Marshall 6, Pastore 6, Tognalini 1, Sandri 2

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *