Breaking News

Vicenza, nuova rotatoria in viale della Pace

Vicenza – È stata aperta oggi alla circolazione la nuova rotatoria di viale della Pace, a Vicenza, all’incrocio con via Bortolan. Il progetto della rotatoria, del diametro di 32 metri, prevede la realizzazione di marciapiedi, illuminazione e sottoservizi, con il completamento della pista ciclabile che proviene dalla Stanga, la riqualificazione di via Bortolan e via Marzari, nonché dell’intersezione tra le vie Bortolan, Gamba, Rumor e Gonzati.

Claudio Cicero
Claudio Cicero

Tutte queste opere sono senza costi per il Comune di Vicenza perché realizzate, per un contro valore complessivo di 680 mila euro, dal privato impegnato nella riqualificazione dell’ex Enel nell’ambito dell’accordo urbanistico che consente la valorizzazione della grande area a lungo degradata.

“L’intervento ha spiegato l’assessore alle infrastrutture Claudio Cicero – offre notevoli benefici alla viabilità cittadina. La rotatoria ci permetterà di gestire il traffico in maniera differente. L’idea è infatti quella di eliminare il vicino semaforo  tra viale della Pace e via Fabiani, dove il restringimento, causato dalla presenza di una sola corsia, crea incolonnamenti. Quindi, provenendo dal centro, si eliminerà la svolta a sinistra in via Fabiani, convogliando le manovre verso la rotatoria, dove abbiamo realizzato la doppia attestazione”.

“Vorremmo anche evitare, – ha aggiunto l’assessore -, in accordo con Svt, la svolta a sinistra, in via Fabiani, al semaforo, del bus proveniente dal centro, e farlo entrare nel quartiere dalla rotatoria. Riaprire oggi ci consente di procedere con i lavori in modo agevole, e senza problemi per la viabilità. Rimarranno i newjersy e la segnaletica, per ora, sarà tracciata in giallo”.

Di pari passo con i lavori sulla viabilità, si è praticamente conclusa la riqualificazione all’interno dell’area privata dove è sorto un nuovo supermercato con superficie di vendita inferiore ai 1500 metri quadrati. L’accordo sottoscritto tra pubblico e privato prevede inoltre, sempre a spese del privato, la riorganizzazione delle aree di sosta e la realizzazione e cessione al Comune di Vicenza di un edificio che ospiterà un archivio robotizzato.

Il solo valore dell’archivio robotizzato, che sarà costruito previa gara europea, è stato stimato in un milione e 380 mila euro. I privati potranno infine costruire un nuovo edificio residenziale di cinque piani, anche se in questa fase tale potenzialità non sarà sfruttata. Al posto delle abitazioni per ora sarà realizzata un’area verde “a bosco”, accessibile alla cittadinanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *