Breaking News

Pedemontana, il Tar respinge i ricorsi contro la Regione

Venezia – Il Tar del Veneto ha dichiarato oggi inammissibili i ricorsi proposti da Salini Impregilo, Codacons ed alcuni privati, contro la Regione, il consorzio Cis e Superstrada Pedemontana Veneta,  in merito alla legittimità del Terzo Atto Convenzionale (tac) grazie al quale sono ripresi i lavori della Pedemontana. I giudici amministrativi insomma hanno respinto le richieste di condanna della Regione Veneto al risarcimento danni, ed hanno disposto invece che sia il ricorrente a rifondere le spese legali all’amministrazione regionale.

“La sentenza del Tar – ha commentato il commissario regionale per la Superstrada Pedemontana, Marco Corsini – dà ragione alle tesi sempre sostenute dalla Regione. Oltre ad affermare in più parti e per svariati motivi che Impregilo è priva di interesse a contestare gli atti della Regione, è espressamente riconosciuto che le modifiche introdotte dal Tac non sono sostanziali, e quindi non sono tali da alterare la sostanza della concessione, e sono perfettamente ammissibili e legittime”.

“Si riconosce inoltre – continua Corsini – che la scelta regionale di non interrompere il rapporto con Sis è discrezionale ed insindacabile, e che comunque non vi era un inadempimento di Sis tale da giustificare o addirittura imporre lo scioglimento della concessione. Infine si riconosce che il TAC non ha affatto spostato il rischio traffico, che invece sin dall’inizio era a carico della Regione, e ch anzi ha rafforzato l’altro rischio (quello di disponibilità) in capo a Sis”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *