Breaking News

Brexit, ecco cosa cambia nell’operatività doganale

Vicenza – “Non era mai successo che un paese membro Ue chiedesse di uscire dall’unione, ma se c’è una costante nel processo Brexit, a più di due anni dall’inizio, questa è l’incertezza del quadro di riferimento in cui operare, forse  già dalla fine di questo mese. Infatti, nell’attuale assenza sia di un accordo di recesso tra Europa e Regno Unito che di una nuova scadenza per l’uscita, il 30 marzo a mezzanotte, ora dell’Europa Centrale, il Regno Unito non farà più parte dell’Unione Europea, diventando così un paese terzo”.

E’ quanto scrive in una nota diffusa oggi Apindustria Confimi Vicenza, chiedendosi quali saranno le conseguenze di tutto questo, in particolare riguardo allo scambio di merci tra i due territori, e soprattutto segnalando che la scottante questione sarà trattata in un incontro informativo che si terrà mercoledì 20 marzo, alle 9.45, presso la sede vicentina dell’associazione, organizzato dall’Area estero e affari internazionali di Apindustria, in collaborazione con l’Ufficio delle dogane di Vicenza.

In esso sarà illustrato l’impatto, anche operativo, a livello doganale, sulle transazioni economiche verso e da un paese con il quale non vi sarà più un regime di libera circolazione delle merci. Se, infatti, dal 30 marzo, le operazioni di cessione e acquisto diventeranno operazioni di esportazione e importazione, quindi soggette alle formalità doganali, gli operatori economici dovranno tenerne debito conto nella gestione e nell’operatività con le “nuove” controparti britanniche. Nel frattempo, come trattare le operazioni a cavallo tra i due periodi?

“Vista l’importanza dell’interscambio commerciale tra la nostra provincia e il Regno Unito – commenta Flavio Lorenzin, presidente di Apindustria Confimi Vicenza -, il tema tocca molte aziende vicentine, che devono essere informate e supportate per affrontare questo cambiamento. E la nostra associazione, insieme alle istituzioni del territorio, è al loro fianco fornendo assistenza anche personalizzata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *