Breaking News
Non sono bastati, al Famila Schio, i 18 punti di Gruda. Arancioni sconfitte da Ragusa, che approda in finale
Non sono bastati, al Famila Schio, i 18 punti di Gruda. Arancioni sconfitte da Ragusa, che approda in finale

Basket, Schio sconfitto da Ragusa. Niente finale

San Martino di Lupari (Padova) – Si ferma ad un passo dalla finale l’avventura del Famila Wuber Schio in Fila Cup. Questa sera, dopo quaranta minuti di battaglia, le scledensi si sono infatti arrese (70-68 il risultato finale) alle biancoverdi della Passalacqua Ragusa, nella prima semifinale delle Final Eight della Coppa Italia di basket femminile. Partita spigolosa quella del PalaLupe, a lungo senza padrone, che ha visto, nelle fasi decisive del match, le arancioni prima subire il gioco delle siciliane (66-60) e poi risalire con determinazione la corrente (68-68), senza però riuscire a piazzare la zampata vincente. Aquile meritatamente in finale (domani alle 18), contro l’Allianz Geas Sesto San Giovanni, che nella gara delle 20.30 ha sconfitto 78-74 l’Umana Reyer Venezia.

Due canestri di Gruda (prima marcatrice anche nel successo di ieri contro Lucca) e altrettanti di Harmon decretano il 4-4 del terzo minuto. In questa emozionante contesa le squadre procedono a braccetto fino al 10-10, quando le arancioni riescono a mettere la testa avanti, grazie ai centri di Lavender e Quigley (ieri a riposto ed oggi invece in campo al posto di Lisec e Gemelos, in tribuna), 10-14. Sul 12-14, un’altra accelerazione delle scledensi, tutta firmata da Battisodo, vale il +7, 12-19, che diventa +5, 14-19 (piazzato di Harmon) alla prima sirena.

Nel secondo parziale il Famila, in campo con il doppio play (Dotto-Battisodo) ripristina il massimo vantaggio, 14-21. Sul nuovo +7 (16-23), le Aquile piazzano un importante break che consente loro di riportarsi a contatto, 27-28. Il punteggio rimane a lungo inchiodato su questo risultato, fino a quando Consolini scrive a referto il +1 per Ragusa. Nemmeno il tempo di assaporare il vantaggio, che Filippi, con i piedi dietro l’arco, ribalta il punteggio, 29-31, prima che Cinili impatti sul 31 pari. L’intensità va crescendo, con repentini botta e risposta che mandano i quintetti negli spogliatoi sul 36-35 per le siciliane.

Alla ripresa delle ostilità dopo l’intervallo lungo il Famila sembra riuscire ad imprimere la sua impronta alla partita. Seppur con qualche sbavatura difensiva, le arancioni riprendono a scavare un solco, ma la loro avanzata si arresta sul 42-48. È a questo punto che le ragusane spazzano via quanto faticosamente costruito dalle avversarie e riportano al centro l’ago della bilancia, 48-48. Il canestro di Battisodo, che si mette in proprio e va fino in fondo, permette a Schio di andare all’ultima mini pausa avanti, 48-50.

Il mini strappo di Schio in apertura di ultimo periodo (50-54) viene restituito al mittente con gli interessi, 58-54. Consolini e compagne appaiono più in partita e riescono a mettere in difficoltà le scledensi, le quali, tra l’altro devono anche tenere d’occhio la situazione dei falli. Al terzo minuto, infatti, il Famila ha già esaurito il bonus e ciò significa che per ogni altro fallo commesso, le avversarie avranno a disposizione i tiri liberi. Dotto accorcia, 58-56, ma due transizioni rapide della Passalacqua rimpolpano il vantaggio biancoverde, 62-56.

Con i centri di Gruda e Quigley le arancioni si avvicinano, 66-65, ma Harmon riporta ad un possesso pieno il vantaggio siciliano, 68-65. Masciadri ha tra le mani la tripla della possibile parità, però le atlete di coach Recupido serrano le maglie della difesa e ostacolano la conclusione. Sul rimbalzo, però, sono distratte e Gruda corregge l’errore della capitana arancione, subendo fallo. Il gioco da tre va in porto: 68-68. Il cronometro scorre implacabile e Romeo è brava a ritagliarsi lo spazio per un importantissimo canestro, 70-68. L’ultima azione della gara è del Famila, ma il tiro di Quigley non va e la Passalacqua stacca il biglietto per la finale.

Ragusa: Romeo 22, Consolini 7, Cinili 6, Gatti ne, Formica, Harmon 10, Gianolla, Soli 6, Bongiorno ne, Hamby 9, Kuster 10

Schio: Filippi 3, Fassina 2, Masciadri, Crippa, Gruda 18, Battisodo 7, Andrè 2, Dotto 11, Lavender 8, Quigley 17, Micovic ne

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *