Breaking News

Basket, il Beretta Schio a Orenburg per ribaltare il -6

Schio – Il destino europeo del Beretta Famila Schio si deciderà tutto in una sera. Anzi, in 40 minuti, domani pomeriggio. Alle 15 di giovedì 28 marzo, è infatti in programma gara 2 delle semifinali di EuroCup, seconda competizione continentale per club di basket femminile. Il confronto sarà trasmesso in diretta streaming sul canale YouTube della Fiba, a questo link diretto.

Dopo un lungo viaggio (circa 4 mila chilometri), le arancioni hanno raggiunto la città russa di Orenburg, dove sul parquet dell’Orenburzhje Sport Hall di Gagarin Avenue, affronteranno le giallorosse del Nadezhda Orenburg. Per centrare l’obiettivo della finale playoff le ragazze di coach Pierre Vincent dovranno ribaltare il -6 (61-67) incassato sette giorni fa al PalaRomare.

Sarà insomma necessario vincere con almeno sette punti di scarto. In questo per le scledensi si apriranno le porte della finale contro la vincente del confronto Spar Citylift Girona-Blma (sfida che vede in vantaggio le francesi del Blma, impostesi sulle spagnole per 66-69).

Un’impresa difficile, ma non certo impossibile. Basti ricordare, ad esempio, che poco più di un mese fa, quando le due squadre si incontrarono nell’ultima giornata di Eurolega, il Beretta inflisse una pesante sconfitta (82-50) alle atlete di coach Víctor Lapeña.

Ma il capitolo Eurolega si è chiuso per entrambe le squadre e l’EuroCup è un’altra competizione. In gara 1, le russe sono state in vantaggio per la maggior parte del tempo, ma non sono mai riuscite a scrollarsi di dosso in maniera decisa le arancioni, rimaste sempre in partita.

Oltre alla serata no del Famila nel tiro da tre (2 su 14 il dato finale), nella partita di andata va segnalato anche l’ottimo lavoro difensivo svolto dalle giallorosse su Sandrine Gruda, che, proprio per questo, non ha potuto essere incisiva come invece lo è di solito. Se domani Schio riuscirà a giocare come ha dimostrato in più occasioni di saper fare, il biglietto per la finale è davvero a portata di mano.

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *