Breaking News

Teatro, a Vicenza “Yerma” di Garcia Lorca

Vicenza – Terzo appuntamento, sabato 23 febbraio, al Teatro San Marco di Vicenza, della nuova edizione del festival nazionale “Maschera d’Oro”, promosso da Fita Veneto in collaborazione con Regione del Veneto, Provincia e Comune di Vicenza. Al concorso è abbinato il Premio Faber Teatro, indetto da Confartigianato Vicenza. A salire sul palcoscenico, sabato sera, alle 21, sarà la compagnia Nuovo Teatro Stabile Mascalucia, dalla provincia di Catania, con “Yerma”, di Federico Garcia Lorca, per la regia di Massimo Giustolisi e Giuseppe Bisicchia, lavoro con il quale il gruppo tenterà di riconquistare la kermesse nazionale.

Composta nel 1934, “Yerma” fa parte della cosiddetta “trilogia lorchiana”, che comprende anche “Nozze di sangue”, del 1933, e “La casa di Bernarda Alba”, del 1936, opere con le quali condivide il forte legame con le radici più ataviche della tradizione spagnola, intrisa di elementi ancestrali presi dal mito e dal mondo della magia popolare, ma al tempo stesso ricche di tematiche universali, profondamente umane e con la figura femminile come fulcro.

Articolato in quadri, “Yerma”, che in spagnolo significa “deserto” e “sterile”, prende il titolo dal nome della protagonista, una donna che non riesce ad accettare il fatto di non avere figli. Una sterilità, la sua, indotta dal marito, che figli non può né vuole averne. Stretta dalla disperazione, Yerma trasforma il suo bisogno in un’ossessione, scontrandosi con l’opprimente famiglia del marito e con lo sguardo, cattivo e morboso, della piccola comunità nella quale vive. La sua personale battaglia la porterà ad attraversare confini inesplorati e oscuri, scoprendo misteri e segreti gelosamente celati, scomode verità nascoste sotto una cortina di apparente onestà e rigore.

Qunato agli interpreti, L’associazione artistica culturale Nuovo Teatro Stabile Mascalucia, costituitasi oltre trent’anni fa, si occupa di produzione teatrale e di formazione. Molto vario il repertorio, che spazia dalla commedia musicale alla drammaturgia brillante contemporanea, fino all’allestimento di testi della tradizione siciliana. La compagnia ha vinto il festival “Maschera d’Oro” lo scorso anno,  con un intenso allestimento di “Uno sguardo dal ponte”, di Arthur Miller, per la regia di Rita Re. Informazioni su www.fitaveneto.org e nella pagina Facebook dedicata al festival.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *