Breaking News
Autonomia. Zaia: "Pronti per l’ultimo miglio"
Palazzo Chigi, sede del Governo

Italia in recessione. Una riflessione dal Psi

Intervento del Psi provnciale sulle scelte economiche del governo. Da segnalare inoltre che il Psi di Vicenza e l’Associazione Matteotti, hanno organizzato un incontro, a Montecchio Maggiore, venerdì 8 febbraio alle 16 presso la Sala civica di Alte di Montecchio, per illustrare  il Reddito di cittadinanza e la Quota 100

*****

Vicenza – Tanto tuonò che piovve, e il boom auspicato dal vicepresidente del Consiglio Di Maio c’è stato: l’Italia è in recessione, tecnica per ora. Certo la responsabilità non può essere data esclusivamente all’attuale governo gialloverde che non ha saputo prevedere la recessione, né anticiparla, né arginarla. Evidentemente la debolezza economica italiana è responsabilità, oltre che dell’incompetenza manifesta di alcuni membri dell’attuale maggioranza di governo, delle difficoltà dell’Europa di portare a termine il suo compito di coesione.

Una debolezza economica dovuta anche ad alcune scelte dei governi passati che non hanno saputo creare stabilità nel mondo del lavoro (Job’s Act), che non hanno saputo rafforzare un sistema di redistribuzione della ricchezza ancora ancorato al passato, che non hanno saputo riavviare il cosiddetto ascensore sociale (Buona scuola).

Probabilmente non serviranno a migliorare la condizione degli italiani neppure i provvedimenti di bandiera come la “quota 100”, destinata a liberare posti di lavoro, specie statali, che difficilmente verranno coperti, o il reddito di cittadinanza, un pasticciato reddito di inclusione che ha il sapore aspro di una costosa manovra elettorale.

Gianluca Capristo -Vicesegretario provinciale Psi di Vicenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *