Breaking News

Influenza al picco in Veneto. I più colpiti i bambini

Venezia – Influenza stagionale ormai arrivata al picco anche in Veneto. Secondo gli esperti della Direzione prevenzione della Regione la diffusione del virus ci arriverà già in questa settimana, o al massimo la prossima, poi inizierà la fase discendente. Lo indica il settimo rapporto epidemiologico della Regione Veneto, elaborato sui dati raccolti nella settimana dal 28 gennaio al 3 febbraio, dai 116 medici di famiglia che costituiscono la rete sentinella sul territorio, e diffuso oggi dall’assessore alla sanità, Manuela Lanzarin.

L’incidenza regionale, ancora in aumento, ha raggiunto 12,60 casi per mille residenti, leggermente inferiore a quella nazionale del 13,76 per mille, il che significa che in questa settimana si sono messi a letto circa 61.800 veneti, numero che sale a 255.500 dall’inizio della sorveglianza (partita a ottobre).

Il virus, si legge nel rapporto, ha provocato finora 41 casi gravi con complicanze, con nove decessi, segnalati dalla Ulss Euganea (5), dalla Scaligera (2) e una ciascuno da Marca Trevigiana e Serenissima. Le persone colpite sono state per l’83% maschi, con un’età media di 56,4 anni. Tutti sono stati ricoverati nelle Terapie intensive degli ospedali.

Come ogni anno, la fascia di età più colpita è quella pediatrica tra zero e 4 anni (47,41 per mille), seguita da quella tra 5 e 14 anni (19,63 per mille), dalla fascia centrale, tra 15 e 64 anni (11,95 per mille) e, da ultima, quella degli over 65 (3,23 per mille).

“Secondo i nostri esperti – fa notare l’assessore – il picco massimo sarà, alla fine, tra i più alti degli ultimi anni, ma la situazione, a parte qualche inevitabile e momentanea situazione di stress in alcuni Pronto soccorso, legata anche alla carenza di medici per l’emergenza urgenza, viene affrontata con efficacia e una buona organizzazione, sia ospedaliera che territoriale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *