Breaking News

Incendio nel terrazzino, i carabinieri salvano un uomo

Montecchio Maggiore – Giornata davvero intensa, quella di ieri, per gli addetti ai servizi di emergenza, a Montecchio Maggiore. Come già documentato proprio domenica, due incendi hanno impegnato carabinieri, vigili del fuoco e personale sanitario del 118.

Nel corso di questi interventi, due militari della locale Tenenza, l’appuntato scelto Qualifica speciale Wainer Riva e l’appuntato scelto Tommaso Fiorentino, intervenuti per soccorrere un uomo rimasto all’interno di un appartamento invaso dal fumo per un incendio divampato nel terrazzino, sono rimasti lievemente intossicati.

Andando con ordine, il primo episodio si è verificato in via XXV Aprile, dove è andato a fuoco un ricovero attrezzi. Nel tentativo di domare le fiamme quattro persone appartenenti allo stesso nucleo famigliare, che occupano i due appartamenti dello stabile vicino alla casetta di legno bruciata, hanno riportato una lieve intossicazione per il fumo.

Mentre erano in corso le ultime operazioni di messa in sicurezza, al numero di emergenza è giunta una seconda richiesta di soccorso, per l’incendio di un poggiolo in una palazzina di via Manzoni, nella frazione di Alte Ceccato.

Una volta raggiunto il posto, gli uomini della Tenenza sono stati informati dai residenti del condominio, nel frattempo scesi in strada, che una persona era rimasta all’interno dell’appartamento. I due appuntati scelti non hanno perso tempo: sono entrati nell’alloggio pieno di fumo, per mettere in salvo il proprietario, un 60enne cittadino dello Sri Lanka che, nel tentativo di spegnere il rogo, era rimasto intossicato e stordito dai fumi inalati.

Una volta portato all’aperto, al sicuro, l’uomo è stato preso in cura dai sanitari del Suem e poi accompagnato all’ospedale di Arzignano, dove è stato ricoverato per l’elevato tasso di monossido respirato.
Il condominio di via Manzoni è stato raggiunto anche dai vigili del fuoco di Arzignano e di Vicenza, con autobotti e autoscala, che hanno spento il rogo e messo in sicurezza lo stabile, danneggiato ma ancora agibile.

Nell’incendio anche la proprietaria dell’appartamento del secondo piano, una cittadina bosniaca di 55 anni ha riportato delle ustioni ad un braccio: dopo la medicazione al pronto soccorso è stata dimessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *