Breaking News

Dueville, la etno music di Flatus Mundi al Busnelli

Dueville – Un nuova rassegna di concerti di musiche indipendenti al Cinema Teatro Busnelli di Dueville. Il teatro duevillese si presta infatti  ad accogliere anche eventi di musica dal vivo, di svariati generi, grazie alla sua pregevole acustica. Per questo, Dedalofurioso, che si occupa della sua gestione, la rassegna intitolata “Indiesciplinata”, alludendo alla varietà e libertà di generi che desidera coinvolgere. Si inizia venerdì sera, 22 febbraio, alle 21, con la etno music del progetto Flatus Mundi, del duo formato da Giuseppe Dal Bianco e Giuseppe Laudanna.

“Il concerto – spiegano gli organizzatori – sarà un vero e proprio viaggio nei suoni ancestrali del mondo, con l’impiego di svariati strumenti provenienti da ogni angolo del pianeta, selezionati e collezionati da Dal Bianco. La musica proposta si sviluppa in un flusso sonoro, un crescendo strumentale che fonde elettronica e suono delle origini, Oriente e Occidente. Una dopo l’altra, delle finestre si aprono su paesaggi che ci portano in terre lontane, attraverso evocazioni sonore di particolari strumenti a fiato e percussioni provenienti da ogni parte del mondo.

“Flatus Mundi è una lezione musicale attraverso la quale si potranno scoprire suoni di altri paesi e altre culture. Strumenti musicali che raramente si possono vedere e ascoltare in Europa. Tra questi, strumenti ad ancia provenienti da Armenia, Laos, Cina, India, Giappone, flauti di ogni tipo, in particolare un rarissimo flauto doppio proveniente dal Pakistan, o cornamuse dalle caratteristiche molto particolari, provenienti da Turchia e Iran (Golfo Persico), il didgeridoo, strumento cerimoniale degli Aborigeni australiani, le benas sarde, i corni naturali della Norvegia o lo shofar israeliano, l’organo a bocca del Laos, i flauti armonici della Slovacchia”.

Inoltre, si spiegherà con degli esempi pratici come avviene la particolare tecnica della respirazione circolare, verranno descritti i materiali di costruzione degli strumenti, l’uso dei bordoni, le tecniche di intonazione delle ance e di produzione del suono.

Giuseppe Dal Bianco, flautista e polistrumentista, ha compiuto gli studi musicali presso il conservatorio Pedrollo di Vicenza conseguendo il diploma in flauto traverso nel 1985. E’ docente di flauto traverso e direttore artistico della rassegna concertistica “Aprile musicale”, di Malo. Svolge intensa attività concertistica, esegue dal vivo le musiche di scena per diverse compagnie teatrali e collabora con molti altri musicisti in vari ambiti musicali. Da diversi anni si dedica allo studio degli strumenti a fiato etnici. Informazioni: info@dedalofurioso.itwww.dedalofurioso.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *