Breaking News

Basket Eurocup, Schio batte Orenburg e va ai quarti

Schio – Grande festa, ieri sera al PalaRomare. Non solo, infatti, il Beretta Famila Schio ha svolto in maniera impeccabile il suo compito, piegando (82-50) le russe del Nadezhda Orenburg, ma in questa ultima giornata del gruppo A di Eurolega anche Bourges ha battuto Lille, con il punteggio di 78-74. La bella vittoria delle scledensi e la concomitante sconfitta delle francesi dell’Esbva-Lm valgono così a Schio l’accesso ai quarti di finale di EuroCup, seconda competizione continentale per club di basket femminile, dopo l’Eurolega.

Grinta, cuore e determinazione sono gli ingredienti che accompagnano le arancioni sul parquet in questa decisiva gara. In un PalaRomare gremito, Lavender appoggia al tabellone il canestro del 2-0, al quale risponde presto Novikova, 2-2. Quigley trova il fondo della retina dalla lunga distanza, 5-2, e Jones accorcia, 5-4. La gara procede in equilibrio fino al 7-6, quando le scledensi mettono la freccia: costruiscono un break di 6-0, che le fa balzare a +6, 13-6. Le ragazze di coach Vincent attaccano con intelligenza e difendono con tenacia e, alla prima sirena, conducono per 21-11.

In avvio di secondo quarto il Beretta allunga ancora, 24-11. Jones e compagne recuperano terreno, ma non vanno oltre il -9, 29-20. Le scledensi non hanno intenzione di rinunciare alla possibilità di agganciare il sesto posto e lo mettono subito in chiaro: forti dei canestri di Dotto (a bersaglio da tre, dalla linea della carità e dalla media distanza) e Gruda, scavano il solco e chiudono la prima parte della contesa a +17, 40-23.

La ripresa si apre all’insegna delle giallorosse di Orenburg, che con due triple si riavvicinano, 40-26. Il Beretta ci mette un po’ a riprendere il ritmo, ma quando lo fa restituisce, con gli interessi, i punti messi a referto dalle russe, 48-29. Le cestiste allenate da Víctor Lapeña non si perdono d’animo e nella seconda parte del periodo rosicchiano qualche punto alla arancioni, mandando in archivio la frazione sul 55-40.

Il vantaggio del Famila (15 punti) è consistente, ma non così tanto da permettere alle scledensi di abbassare la guardia. E infatti le padrone di casa restano concentrate: una difesa aggressiva, con raddoppi puntuali sotto canestro, e una buona verve offensiva sono le carte giocate dal Beretta, che allarga lo strappo fino al +29, 79-50. A questo punto le arancioni mollano un po’ la presa, ma le ospiti hanno smarrito la via del canestro e non riescono a ritrovarla. L’ultima parola del match è di capitan Masciadri: sua, infatti la sua tripla dell’82-50 che chiude la contesa.

Schio: Filippi ne, Fassina 3, Masciadri 3, Lisec 10, Crippa 3, Gruda 15, Battisodo 2, Andrè ne, Dotto 11, Lavender 6, Quigley 18, Gemelos 11

Orenburg: Nicholls 3, Fedorenkova, Burik ne, Shilova 12, Tikhonenko 2, Ygueravide 5, Wheeler 9, Novikova 2, Maiga, Jones 17, Medvedeva

Di seguito gli altri risultati del settimo, ed ultimo, turno di ritorno:

  • Esbva-LM – Bourges Basket 74-78
  • CCC Polkowice – Zvvz Praga 74-79
  • Castors Braine – Ekaterinburg 69-95

Classifica del gruppo A: Ummc Ekaterinburg 27, Zvvz Praga 24, Bourges Basket 23, CCC Polkowice e Nadezhda 21, Famila Schio 19, Esbva-LM 18, Castors Braine 15

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *