Breaking News
Arma lanciato a rete... (Screenshot da Eleven Sport Tv)
Arma lanciato a rete... (Screenshot da Eleven Sport Tv)

Vicenza sprecone al Menti. E’ 1-1 con il Renate

Vicenza – Un pareggio che sa di beffa e di amara delusione, questa sera, per il Vicenza, nella prima partita di campionato del 2019 dopo la pausa di fine anno. E’ il Renate che esce sorridendo dal Menti, dopo aver agguantato il pareggio nell’ultimo minuto di una partita che era sembrata non essere mai in discussione, dominata dai biancorossi che erano andati in vantaggio nei primi minuti di gioco e che poi costruito molto, avuto molte occasioni ed anche sprecato tutto ciò che era possibile sprecare.

Rispettata quindi la vecchia legge secondo la quale a gol mancato segue gol subito. Infatti il Renate, al ’90, ha messo dentro il pallone poco dopo che prima Arma e poi Giacomelli non erano riusciti a sfruttare occasioni molto favorevoli. Ma le palle gol che il Lane ha creato nei 90 minuti sono state davvero molte, tanto che si può dire, alla fine, che in campo si è vista una buona squadra, con vari elementi che sono sembrati aver ritrovato lucidità e grinta, primo tra tutti Curcio.

Molto bene anche l’esordio in biancorosso del neo acquisto Guerra, autore del gol, al 10′ del primo tempo, e buona anche la prova di un altro nuovo arrivo, Cinelli. A dire il vero i primi minuti del Vicenza hanno lasciato perplessi: il Renate è subito partito in quarta, mentre la squadra di casa sembrava confusa. Tutto è passato però dopo pochi minuti, quando, come dicevamo, Guerra ha fatto centro con un destro al volo, da centro area, raccogliendo un calcio d’angolo.

Da questo momento il match è stato saldamente nelle mani dei biancorossi, che hanno attaccato praticamente per tutta la partita. Non che il Renate sia stato a guardare, anzi è sembrato tutto sommato squadra solida ed ordinata, riuscendo anche a rendersi pericolosa in alcune occasioni. Tuttavia il pallino è stato quasi sempre nelle mani del Vicenza, ed i lombardi sono riusciti a pungere soprattutto in azioni di contropiede.

Nella seconda metà del secondo tempo il Lane ha avuto le occasioni migliori per mettere al sicuro il risultato, soprattutto con Arma che grazie ad un velo smarcante di Giacomelli si è trovato a tu per tu con il portiere avversario, in posizione molto favorevole. L’ha mandata alta purtroppo, e pochi minuti dopo anche Giacomelli ha voluto fare tutto da solo ed è sfumata un’altra occasione. Il castigo è arrivato poco dopo, quando Priola ha deviato di testa un calcio d’angolo, indirizzandola a fil di palo e beffando Grandi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *