Breaking News

Thiene, al via la rassegna “Storie di montagna”

Thiene – Si parlerà della Strada delle 52 gallerie sul monte Pasubio, domani, sabato 12 gennaio, nel primo dei tre incontri della rassegna ad ingresso libero “Storie di montagna, natura e uomini”, organizzata dall’assessorato alla biblioteca civica e focalizzata proprio sul rapporto tra uomo e natura. L’appuntamento è per le 17 nella sala riunioni di Palazzo Cornaggia, in via Francesco Corradini, a Thiene.

Il primo autore che il pubblico potrà incontrare è Claudio Rigon, curatore della mostra di Schio che nel 2017 è stata dedicata alla strada. Rigon presenterà il volume “La strada delle 52 gallerie e l’epopea della sua costruzione”. Un volume che racconta proprio la vicenda della realizzazione di questo manufatto della Grande guerra, conosciuto anche come Strada della Prima armata, che parte da bocchetta Campiglia (a quota 1260 metri sul livello del mare) e che, dopo un cammino di circa 6,5 chilometri, attraverso 52 gallerie scavate nella roccia, arriva fino a Porte del Pasubio e al rifugio Achille Papa (1928 metri slm).

“Durante la guerra era l’immediata retrovia del fronte: uno snodo di mulattiere, sentieri e camminamenti, il punto di arrivo di tutto un sistema di teleferiche, ma anche un affastellamento di case, baracche, ricoveri in caverna a formare una piccola città aggrappata alle rocce, che i soldati chiamavano «el Milanin del Pasube»”.

“A guerra appena finita il Cai di Schio scelse di costruire proprio lì, a Porte, il suo rifugio alpino, sui resti di una di quelle case: un gesto fortemente simbolico, di adozione della montagna da parte di una città e di tutti i paesi delle valli, una casa della guerra mantenuta viva per proteggerne la memoria. Inaugurato nel 1922, si chiamava rifugio Pasubio. Ampliato via via negli anni è oggi quello che conosciamo come rifugio Papa”.

La rassegna proseguirà poi sabato 19 gennaio, con Daniele Zovi e il suo libro “Alberi sapienti, antiche foreste: come guardare, ascoltare e avere cura del bosco” e si concluderà il 26 gennaio, con Matteo Melchiorre che presenterà “La via di Schenèr: un’esplorazione storica nelle Alpi”, in un confronto con Andrea Savio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *