Breaking News

Progetto Tav al Consiglio dei lavori pubblici

Roma – Si è parlato di Tav, questa mattina, a Roma, nella riunione del Consiglio superiore dei lavori pubblici e, nello specifico, del tratto che interessa Vicenza. Tutto questo, nella sede del Ministero delle infrastrutture, dove sono stati convocati anche il Comune di Vicenza, la Provincia, e gli amministratori comunali di Torri di Quartesolo, Sovizzo, Creazzo e Altavilla Vicentina.

Con Francesco Rucco, sindaco della città e presidente della Provincia, c’erano l’assessore vicentino alle infrastrutture, Claudio Cicero, accompagnato dal dirigente del settore mobilità Carlo Andriolo e dal direttore generale della Provincia Angelo Macchia, ed i sindaci di Torri di Quartesolo, Ernesto Ferretto, Creazzo, Stefano Giacomin, e Sovizzo, Marilisa Munari.

Con un video, è stato illustrato il progetto preliminare della tratta “Attraversamento di Vicenza”, secondo lotto della Verona-Padova, del valore di 805 milioni di euro. I tecnici romani ne hanno analizzato ogni minimo dettaglio, rilevando alcune criticità relative alle strade che serviranno la linea ferroviaria e ad aspetti idraulici. La seduta si è conclusa con il voto favorevole al parere sul progetto preliminare am con la richiesta, anche, di una sua integrazione a Rfi, a cui spetta ora di adeguare il progetto.

“E’ stato un confronto utile e costruttivo – ha commenta a caldo Francesco Rucco -. Da parte nostra, abbiamo ribadito l’esigenza che si proceda con la realizzazione dell’infrastruttura, che, lo sottolineo ancora una volta, consideriamo strategica per lo sviluppo del territorio. Linea ferroviaria ad alta velocità significa movimentazione rapida delle merci e delle persone e, se vogliamo competere nei mercati internazionali, non possiamo perdere questa occasione. Quanto alla richiesta di integrazione, apprezzo la serietà e la prudenza del Consiglio superiore, che ha voluto approfondire aspetti importanti. E’ interesse di tutti accelerare le procedure e licenziare quanto prima la parte progettuale per passare alla realizzazione vera e propria. Quindi sono certo che le integrazioni non tarderanno ad arrivare”.

Posizione condivisa dall’assessore Cicero, che ha assicurato massima attenzione, in particolare per quanto riguarda gli aspetti viabilistici legati al progetto. “L’alta velocità – ha detto – è occasione importante per rivedere e ammodernare non solo il trasporto su rotaia, ma anche quello su gomma, che devono integrarsi e completarsi, a tutto vantaggio della mobilità cittadina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *