Breaking News
Tra i lavori eseguiti a Montorso, anche la sostituzione di piante malate con nuovi alberi
Tra i lavori eseguiti a Montorso, anche la sostituzione di piante malate con nuovi alberi

Montorso, scuole ai raggi x per la sicurezza degli scolari

Montorso Vicentino – Obiettivo massima sicurezza nelle scuole cittadine. Approfittando della chiusura per le vacanze natalizie, l’amministrazione comunale ha infatti deciso di far eseguire alcuni importanti interventi nella scuola secondaria di primo grado e nella vicina palestra e anche nella scuola primaria: nel primo caso si è trattato di indagini finalizzate all’elaborazione di un piano di lavori antisismici; mentre nel secondo le opere hanno previsto la riqualificazione dell’area verde esterna. In entrambi gli edifici si è inoltre provveduto alla pulizia e sanificazione degli impianti di aerazione e riscaldamento.

Le indagini antisismiche sono state di natura geologica e strutturale, per rispondere alle sempre più stringenti norme in materia. I professionisti incaricati dal Comune hanno eseguito verifiche geognostiche del terreno sottostante l’edificio per stabilirne solidità e staticità in correlazione alla struttura dello stabile. Dallo stesso sono stati prelevati campioni di cemento armato (calcestruzzo e ferro) e, con una termo camera, sono state analizzate le strutture portanti. I campioni e le immagini sono stati portati in laboratorio per le verifiche sulla resistenza dell’edificio ai fenomeni sismici. Sarà presto elaborata una relazione che consentirà all’amministrazione comunale di individuare gli interventi da realizzare nel prossimo futuro per rendere sempre più sicuro l’edificio.

Anche nella la scuola primaria si è parlato di sicurezza: dal cortile esterno sono state infatti eliminate le tre robinie che presentavano segni di ammaloramento, con conseguente pericolo di crolli di rami o dei fusti in caso di eventi atmosferici particolarmente violenti. Le radici, inoltre, minacciavano la stabilità del terrapieno su cui poggia il cortile. Le piante tolte sono state sostituite da una dozzina di aceri campestri, alberi autoctoni che garantiscono una maggiore stabilità, un ottimo ombreggiamento nella bella stagione e non impediscono il passaggio dei raggi solari nei mesi invernali.

“Concluse queste opere – ha spiegato il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici, Diego Zaffari –, attendiamo i risultati delle indagini alla scuola secondaria di primo grado, così da poter elaborare un programma di interventi calibrato in base alle reali condizioni dell’edificio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *