Breaking News
Ecco come si presentava via Zanella, a Marano, dopo l'abbandono dei rifiuti
Ecco come si presentava via Zanella, a Marano, dopo l'abbandono dei rifiuti

Rifiuti scaricati a Marano. Trovati i responsabili

Marano Vicentino – Sono stati individuati i responsabili dell’abbandono dei rifiuti in via Giacomo Zanella, a Marano. Non si tratta di cittadini maranesi, ma di persone che abitano in un altro Comune: a loro carico, oltre ad una sanzione, sarà addebitato anche il costo del lavoro di raccolta del pattume e della pulizia del luogo, svolto dal personale di Alto vicentino ambiente.

L’episodio risale alla notte tra il 6 e il 7 gennaio ed è stato scoperto subito, nella mattina di lunedì 7. Ad avvisare l’amministrazione comunale è stato un cittadino, che ha notato il cumulo di rifiuti depositato in via Zanella, meglio conosciuta dai residenti come “strada Mas-ciara”.

L’ufficio tecnico del Comune di Marano è stato informato, così come una segnalazione è stata inoltrata al comando di polizia locale e sono subito partite le ricerche dei responsabili, che in breve tempo, sono stati identificati.

“Ancora una volta – ha sottolineato l’assessore all’ambiente, Alessandra Cavedon – grazie alla collaborazione con una comunità che si dimostra attenta e responsabile del territorio che abita e con la polizia locale, siamo riusciti a individuare i responsabili del danno e a porvi rimedio in tempi rapidi”.

“Anche quest’anno continueremo a sensibilizzare la popolazione sull’importanza di tutelare l’ambiente, con gesti quotidiani, personali e collettivi. E resteremo attenti alla raccolta differenziata nel nostro paese, che, secondo l’ultimo rapporto «Comuni ricicloni» di Legambiente, è uno dei Comuni cosiddetti rifiuti free, con 65,1 kg di rifiuto secco pro capite all’anno e il 77,5% di raccolta differenziata nel 2018”.

Inoltre, secondo il recente rapporto Rifiuti urbani, presentato da Ispra alla fine dell’anno, nel 2017 la Regione Veneto ha registrato una media del 73,6% di raccolta differenziata e la provincia di Vicenza il 77,4%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *