Breaking News
Dettaglio del campanile di Asiago con la neve. (Foto tratta dal sito www.asiago.it)
Dettaglio del campanile di Asiago con la neve. (Foto tratta dal sito www.asiago.it)

Confermato in Veneto l’allerta per nevicate in quota

Venezia – Copiose nevicate previste sulle zone montane del Veneto tra la giornata di domani e quella di sabato 2 febbraio. In quota scenderanno i fiocchi dunque, che potranno comunque arrivare fino ai fondovalle prealpini dove, fino alla mattinata di venerdì, si potranno avere accumuli al suolo nelle zone più riparate dai venti meridionali. Dalla tarda mattinata poi la neve si tramuterà in pioggia. Un maltempo diffuso comunque quello che caratterizzerà le prossime ore, e che dovrebbe riguardare tutta la regione.

“In generale – si legge nelle previsioni della Regione Veneto – il limite della neve si innalzerà sulle Prealpi anche fino a 1600-1800 metri, per poi abbassarsi nel corso di sabato fino a 1000-1300 metri nel pomeriggio. Sulle Dolomiti la neve potrà continuare a cadere fino a fondovalle nelle zone più chiuse e meno esposte ai flussi meridionali, mentre tenderà ad alzarsi nelle vallate delle Dolomiti meridionali più aperte. Oltre i 1800 metri di quota sono previste nevicate dell’ordine di un metro, localmente anche superiori. Quantitativi via via inferiori ma comunque consistenti scendendo con la quota”.

In questo quadro, il Centro funzionale decentrato della Protezione civile ha confermato lo stato di attenzione per nevicate, dalle 21 di oggi fino alla mezzanotte di sabato, su zone montane e pedemontane. L’allertamento potrà essere eventualmente riconfigurato, a livello locale, in fase operativa di pre-allarme o allarme a seconda dell’intensità dei fenomeni.

Da segnalare inoltre che la Regione ha deciso di attivare, da domani mattina, la sala operativa di Coordinamento regionale in emergenza (Corem). Lo ha annunciato l’assessore Gianpaolo Bottacin, sottolineando che “per garantire un monitoraggio costante della situazione e la massima prontezza operativa del Sistema regionale di Protezione civile, in base al bollettino del Centro valanghe di Arabba e dell’avviso di criticità valanghe emesso dal Centro funzionale decentrato, sono state dichiarate le fasi operative di attenzione per domani e di preallarme nei giorni successivi”.

 “In previsione delle abbondanti nevicate – ha spiegato Bottacin – ci siamo attivati subito, sia mantenendoci in stretto contatto con il dipartimento nazionale di Protezione civile sia organizzando, tra ieri e oggi, apposite riunioni nelle prefetture di Belluno e Vicenza, per esaminare la situazione ed essere pronti a fronteggiare  eventuali criticità di carattere idrogeologico e causate da neve e valanghe”. Ricordiamo che per la segnalazione di possibili situazioni di emergenza è disponibile il numero verde 800-990009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *