Breaking News

Confagricoltura: “Cinghiali sempre più numerosi”

Vicenza – Nei prossimi anni il numero di cinghiali in Italia e in Europa è destinato a crescere in maniera esponenziale. Lo dice uno studio del gruppo Enetwild Consortium, che gestisce per conto di Efsa, l’autorità europea per la sicurezza alimentare, un progett che mira ad analizzare il rischio di trasmissione di malattie dalla fauna selvatica al bestiame e agli esseri umani. Secondo lo studio è prevedibile che, se non saranno prese in considerazione misure di riduzione della popolazione di cinghiali, il loro numero crescerà in maniera esponenziale, in Italia e in Europa, aumentando i danni e i rischi per la sicurezza alimentare e per l’incolumità delle persone.

“Il documento – spiega Enrico Pizzolo, presidente di Confagricoltura Vicenza – prende in esame i risultati scaturiti da quattro modelli di rilevazione dei dati, che hanno predetto correttamente gli scenari di diffusione della popolazione dei suini bradi. Sono scenari realistici, che riscontriamo anche nel nostro territorio, dove è sempre più preoccupante l’invasione di specie animali. Sui Colli Berici la popolazione dei cinghiali continua ad aumentare, arrivando a migliaia di esemplari che stanno creando danni notevoli all’ambiente e alle attività agricole, oltre che un pericolo per le persone. La stima dei danni è di oltre centomila euro all’anno alla zootecnia e all’ambiente”

“Questi animali – continua Pizzolo – scavano con il grugno fino a diversi centimetri di profondità alla ricerca di bulbi, radici e tuberi e, così facendo, sollevano e ribaltano intere zolle di terreno. Il cotico erboso viene completamente rimosso e perché ricresca occorre molto tempo, anche 5 o 6 anni. Inoltre gli ungulati si nutrono di tutto: grappoli di uva, frutta e qualsiasi altra cosa trovino. Da anni segnaliamo il problema, ma le iniziative messe in campo sono state poco efficaci. Auspichiamo che si definisca un piano serrato per il contenimento della fauna selvatica, con catture e abbattimenti mirati, per cercare di riportare la popolazione di ungulati entro livelli compatibili con la normale conduzione dell’attività agricola e forestale”.

Inoltre, secondo quanto riporta l’Osservatorio Asaps, l’Associazione degli amici della polizia stradale, nel 2017 si sono registrati 155 incidenti significativi con il coinvolgimento di animali, nei quali 14 persone sono morte e 205 sono rimaste seriamente ferite. In 138 casi l’incidente è avvenuto con un animale selvatico. Gli incidenti sono avvenuti soprattutto di giorno (123), e sulla rete stradale ordinaria (145).

“L’Italia – ha concluso il presidente di Confagricoltura – si sta muovendo in ordine sparso e senza una puntuale politica di prevenzione, come fanno invece gli altri paesi dell’Ue. La Francia ha istituito zone di depopolamento di ben 140 chilometri quadrati. Una misura presa per arginare i recenti casi di peste suina in Belgio, ma che fa parte di un piano generale di prevenzione che andrebbe approvato urgentemente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *