Breaking News

Vicenza, Forza Nuova non scenderà in piazza

Vicenza – Forza Nuova domani pomeriggio non scenderà in piazza nella prevista manifestazione in Piazza Castello, una sorta di risposta da destra alla annunciata analoga e concomitante inziativa, in Piazza Matteotti, del centro sociale Bocciodromo. C’erano non pochi timori in città per questo, per una contrapposizione, anche se non troppo ravvicinata, tra opposte fazioni proprio nel sabato che precede il Natale, con lo shopping in pieno svolgimento, i negozi pieni ed i vicentini a passeggio.

Non era mancato neanche l’appello del sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, rivolto ai due movimenti affinché rinviassero le loro manifestazioni. Ora la decisione del gruppo di estrema destra, che vuole dimostrare, annullando il presidio in piazza Castello, il proprio “attaccamento alla città e dare un segnale di rispetto nei confronti dei vicentini, a tre giorni dal Natale”.

La mobilitazione di Forza Nuova “era esclusivamente mirata – scrive oggi in una nota il movimento – a fare in modo che le istituzioni comprendessero che eventuali manifestazioni del Bocciodromo, dovessero essere posticipate a dopo le vacanze di Natale, per rispetto nei confronti di tutta la città di Vicenza, una città allestita a festa che di tutto aveva bisogno tranne che di proteste, manifestazioni politiche, il sabato pre natalizio”.

“Potevamo anche organizzare qualcosa di veramente importante – continua la nota -, facendo confluire militanti da tutto il Veneto alla manifestazione. Ma non era questo il nostro scopo. Come ampiamente detto infatti, volevamo solo mandare un segnale ad un sindaco che per anni ha promesso una cosa, ribadendola in campagna elettorale, la chiusura del Bocciodromo , per poi rimangiarsi tutto. Il nostro senso di responsabilità non combacia con quello del primo cittadino di Vicenza, che da un lato lancia appelli insensati e dall’altro dimentica le promesse fatte e soprattutto quanto chiedeva a gran voce da consigliere di minoranza.

“Come fa il sindaco Rucco solo ad accostare le due manifestazioni se una era esclusivamente creata ad arte per dissuadere l’altra? Siamo stati noi a dire che i commercianti, i negozianti del centro storico avevano diritto ad un sabato sereno, non Rucco. Vicenza non ha bisogno di un primo cittadino pavido, ma di un sindaco che veramente faccia cambiare il passo ad una città che, dopo l’amministrazione Variati, necessitava di una svolta importante, soprattutto per quanto concerne l’ordine pubblico e il rispetto delle regole”.

“Dell’appello di Rucco al non scendere in piazza domani – concludono gli attivisti della destra -, non sappiamo che farcene, ma riteniamo doveroso portare rispetto a quelle migliaia di cittadini, soprattutto ai più piccoli, che non comprenderebbero in una splendida giornata di un sabato pre natalizio, logiche di contrapposizioni politiche innescate da un primo cittadino senza personalità, a detta anche di diversi membri di maggioranza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *