Breaking News

Referendum sulle fusioni, i Comuni al voto

Venezia – Giornata di referendum sulla fusione, quella di domenica 16 dicembre, per 26 comuni del Veneto, appartenenti a cinque province. In totale saranno 77.464 gli elettori (su quasi 83 mila abitanti), chiamati ad esprimersi su una serie di unificazioni, finalizzate a far nascere dieci nuovi enti.

Nella provincia di Vicenza la tornata referendaria interesserà ben quattordici comuni: Mason Vicentino e Molvena, i cui cittadini saranno chiamati ad esprimersi sulla nascita di “Colceresa”; Carrè e Chiuppano (“Colbregonza”); Cismon del Grappa, Valstagna, San Nazario, Campolongo sul Brenta e Solagna (“Valbrenta”); Conco e Lusiana (“Lusiana Conco”); Longare, Castegnero e Nanto (“Pieve dei Berici”). Qui a fianco l’elenco di tutti i municipi interessati, compresi quelli delle altre province.

Si tratta di un referendum, giova ricordarlo, che non prevede il quorum. Questo significa che si recherà alle urne, deciderà per tutti, anche per gli assenti. In caso di parere favorevole all’unificazione della maggioranza dei votanti per ogni comune coinvolto nel singolo processo, la fusione diventerà effettiva. Se vincerà il sì, entro febbraio sarà approvata dal Consiglio regionale una legge per l’istituzione di ciascun nuovo comune. I Prefetti nomineranno i commissari per la gestione dei comuni soppressi fino alle elezioni che daranno vita alle nuove amministrazioni.

“Il 16 dicembre – ha rammentato il vicepresidente della Regione, Gianluca Forcolin – la popolazione di questi territori si esprimerà il suo parere sulla per la nascita o meno di nuove realtà comunali. Se la consultazione referendaria avrà esito positivo, come auspichiamo, con la fusione il numero complessivo di Comuni componenti il territorio regionale passerà dai 571 attuali a 555. L’impegno comune deve essere quello di portare il maggior numero possibile di cittadini a votare, ma il messaggio che deve passare è che la fusione non è un’imposizione, bensì una grande opportunità, di cui la popolazione deve essere cosciente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *