Breaking News
Natale ed anno nuovo... senza parole (né consumi)

Natale e anno nuovo… senza parole (né consumi)

*****

Anomali auguri per un mondo migliore…

*****

Cari lettori,

vi preghiamo innanzitutto di scusarci se ci sottraiamo al troppo banale rito degli auguri e del rosso del berrettino di Babbo Natale. Il punto è che oramai ci pare che non sia più sopportabile questa banalità ipocrita e consumista, questo conformismo nel quale tanti cercano un’assoluzione che non potrà mai arrivare, il conformismo dell’essere tutti più buoni, del donare, in una società in cui invece si usa la parola “buonista” per disprezzare, e nella quale prevale l’egoismo del tipo “Prima gli italiani”, o comunque “Prima i veneti”, ed in ogni caso sempre “Prima noi”.

Ci perdonerete quindi se ci sottraiamo al “dovere” di queste ore, ed anziché fare gli auguri per le feste ed il nuovo anno vi facciamo una richiesta: consumate meno.

Quello che mette davvero a rischio il nostro futuro, infatti, è il consumo. Mangiamo troppo, bruciamo troppi combustibili, siamo pieni di cose inutili, perdiamo tempo in faccende inutili, ed oltre a mettere in pericolo, in questo modo, il pianeta in cui viviamo, rischiamo anche di perdere di vista ciò che è più importante, ovvero i rapporti umani, il sentirci esseri umani.

Ormai siamo arrivati al punto che ci facciamo governare, sia in campo politico che in altri campi, come quello delle opinioni o delle scelte che facciamo, da persone e settori economici per i quali conta solo il proprio interesse, il profitto, e noi lo accettiamo attraverso i nostri comportamenti, innanzitutto con gli acquisti che facciamo.

Compriamo il meno possibile dunque, compriamo solo quello che ci serve davvero. La nostra società diverrà migliore…

F.O.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *