Breaking News

Bassano, fatture false per 4,6 milioni

Bassano del Grappa – Avrebbero emesso fatture per operazioni inesistenti per un importo di 4,6 milioni di euro nei confronti di diverse imprese con sede nel nord Italia, evadendo l’Iva per quasi 800 mila e non versando l’imposta dichiarata per altri 130 mila. E’ quando emerge dalle attività di verifica fiscale concluse nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza di Bassano del Grappa.

Questi accertamenti, svolti nei confronti di quattro società cartiere, rientrano nella più ampia operazione di polizia economico finanziaria denominata Lucky Flats. L’indagine delle Fiamme Gialle ha consentito di addebitare a coloro che i militari ritengono essere i reali organizzatori della frode fiscale, vale a dire un 48enne bassanese ed un 52enne di Riese Pio X, anche le conseguenze dell’attività amministrativa, in qualità di amministratori di fatto delle cartiere.

“Nei confronti delle imprese cartiere – precisa una nota del comando provinciale della Guardia di Finanza – sono stati inoltre constatati redditi derivanti da proventi illeciti per quasi 350 mila euro, proposti per essere sottoposti a tassazione ai competenti Uffici finanziari”.

Già un paio di mesi fa l’operazione Lucky Flats aveva portato al sequestro di immobili e conti correnti bancari, in esecuzione di un decreto di sequestro preventivo del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Vicenza ed in questo frangente fiscale ha permesso di constatare le responsabilità amministrative nella gestione delle cartiere, perché siano recuperate le imposte evase e comminate le relative sanzioni.

“Nella fase finale di questa attività di polizia economico-finanziaria – conclude la nota – l’attenzione sarà rivolta ai soggetti che hanno beneficiato, nelle proprie dichiarazioni, delle fatture false emesse dalle cartiere, secondo la particolare conduzione trasversale delle indagini in materia di frodi fiscali, che spaziano dalle attività di carattere prettamente penale a quelle amministrative, beneficiando delle peculiari funzioni che l’ordinamento affida al Corpo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *