Violenza contro le donne, parte “Prenditi cura di te”

Vicenza – Domani mattina, mercoledì 21 novembre, l’assessore regionale al sociale Manuela Lanzarin visiterà il centro Antiviolenza di Vicenza e parteciperà, sempre nella sede del centro, in via dei Cappuccini 67, alla presentazione, in programma alle 10.30, della campagna di sensibilizzazione e informazione sociale “Prenditi cura di te”, promossa dalla Cna berica in collaborazione con l’associazione Biancarosa onlus e i centri antiviolenza di Vicenza, Schio e Bassano.

Parrucchiere ed estetiste della provincia vicentina esporranno già da questa settimana nei loro locali depliant e locandine che invitano le donne ad avere il coraggio di chiedere aiuto nei casi di relazioni difficili e violente. Saranno diffusi anche i recapiti dei centri antiviolenza nel territorio accreditati dalla Regione Veneto.

“Alla vigilia della Giornata contro la violenza sulle donne del 25 novembre – ha spiegato l’assessore -, queste iniziative alimentano la consapevolezza sociale e il senso di responsabilità che ognuno di noi, uomo o donna, riveste nei confronti delle persone coinvolte da questi drammi individuali, familiari e sociali. Trovo che l’iniziativa adottata dalle estetiste e dalle parrucchiere vicentine sia un segno di grande sensibilità: le professioniste della bellezza e del benessere delle donne possono essere le prime ad intercettare segnali di malessere, confidenze, paure delle loro clienti e farsi ambasciatrici di messaggi di aiuto, di indicazioni utili che, in modo discreto e riservato, indirizzano le donne a farsi affiancare da strutture specializzate e a chiedere protezione”.

“A volte – ha aggiunto Lanzarin – basta un ascolto attivo, una parola solidale, un gesto di incoraggiamento  per mettere in modo un processo di consapevolezza e di richiesta di aiuto. Mi auguro che questa campagna trovi l’adesione di molti esercizi e possa assumere una dimensione regionale, in modo di rinforzare ulteriormente la rete di informazione e prevenzione attorno alle donne, che vede in Veneto una grande collaborazione tra servizi, strutture sanitarie e sociali, forze dell’ordine, medici, farmacisti, scuole e ora anche artigiani e pubblici esercenti”. Sempre domattina, l’assessore regionale visiterà, nel vicentino, anche una casa protetta, per l’accoglienza di secondo livello di donne vittime di violenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *