Breaking News

“Tav, niente di nuovo dopo le promesse elettorali”

Intervento, sulla questione della Tav a Vicenza, di Daniele Ferrarin e Francesco Di Bartolo, della sezione vicentina di Italia in Comune…

*****

Vicenza – Con riferimento all’incontro tra il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, e l’ingegnere Aldo Isi, della direzione investimenti di Rfi, accompagnato dai tecnici che si stanno occupando dell’infrastruttura, rileviamo che le promesse elettorali di Rucco, di non consumo del territorio, vengono disattese. Niente di nuovo sul fronte civico “mascherato” e sapientemente usato per dare ancora più spazio a chi la città la vuole “usare” e non certamente per renderla più vivibile.

Ricordiamo all’amministrazione comunale di Vicenza che da ben otto anni le norme del decreto legislativo 228 del 2011, obbligano i soggetti deputati alla vigilanza a procedere ad una puntigliosa analisi benefici in tema di infrastrutture. E detta analisi non riguarda solo l’aspetto economico ma anche i suoi risvolti ambientali nonché sociali. Autorevoli studi in materia hanno confermato uno lo sbilancio negativo tra costi e ricavi della tratta Brescia-Padova.

Adesso si attendono i risultati della commissione ministeriale allo studio per una verifica prevista per legge e alla quale il Sindaco di Vicenza non potrà sottrarsi. È da rilevare come a fronte delle tante belle promesse elettorali, il primo cittadino eviti di confrontarsi con la cittadinanza, associazioni, gruppi di lavoro, e preferisca conciliaboli con i dirigenti di Rete Ferroviaria al chiuso delle mura di Palazzo Trissino. Intanto, opere urgenti come la messa in sicurezza di scuole e di altri edifici pubblici attendono di essere avviate con grave rischio per gli utenti.

Daniele FerrarinFrancesco Di Bartolo – Italia in Comune Sezione di Vicenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *