Breaking News

Rosà, libri in Braille donati alla biblioteca civica

Rosà – Sono diventati ufficialmente un patrimonio dei cittadini di Rosà una trentina di volumi in Braille indispensabili per la lettura ad utenti ipovedenti o non vedenti, che ora avranno una sezione a loro destinata nella biblioteca civica rosatese. La locale amministrazione comunale ha infatti accettato la donazione del Nuovo ed Antico Testamento da parte della concittadina rosatese Lorella Ederle, ricevuti da una sua conoscente defunta, Elvira Cassan, che a sua volta aveva espresso la volontà di renderli fruibili a quanti lo desiderassero.

Di qui la scelta di donarli alla biblioteca comunale. “Nell’ottica dell’inclusione – ha spegato l’assessore alla cultura, Chiara Grandotto, – che la nostra amministrazione ha sempre avuto come valore da perseguire, cercando così di voler avvicinare quanti più utenti possibili ai servizi offerti dal nostro sistema bibliotecario pubblico, ho disposto che questi libri vengano collocati in una sezione a parte, al primo piano della biblioteca, e visto il valore dei testi e la delicatezza (i libri non sono sovrapponibili) al momento sono solo consultabili in loco”.

“Ringraziamo per la sensibilità dimostrata – ha poi concluso l’assessore – chi ci ha fatto dono di questi libri. Per noi è una grande opportunità, che ci consente di contribuire alla sensibilizzazione nei confronti del mondo della disabilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *