Breaking News

Nomadi, a Vicenza si amplia la zona rossa

Vicenza – “Ampliamo la zona rossa dove è vietato lo stazionamento dei nomadi”. Ad annunciarlo è il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, che oggi ha anche prorogato, fino al 30 aprile 2019, l’ordinanza che vieta la permanenza, lo stazionamento e la sosta dei veicoli dei nomadi in un’ampia area della città.

Le nuove zone che vanno ad aggiungersi a quelle già contenute nel provvedimento in vigore, sono l’area compresa tra via Vecchia Ferriera, strada della Carpaneda, strada Padana Superiore verso Verona e il confine con il Comune di Creazzo; quella tra strada Pasubio, via Valles, la pista ciclabile delle Maddalene e strada delle Maddalene verso strada Pasubio; e, infine, strada Biron di sopra fino all’incrocio con strada Montecrocetta. Si tratta di spazi oggetto di numerose segnalazioni da parte dei cittadini. Cliccando qui si può vedere la nuova zona rossa.

“L’ordinanza contro lo stazionamento dei nomadi – ha commentato Rucco – è un provvedimento che funziona, perché consente di intervenire in modo tempestivo ed efficace. E il fenomeno, in effetti, nella zona vietata si è attenuato. Ma la guardia non va abbassata. Ben vengano, quindi, le segnalazioni dei cittadini che ci consentono di monitorare la situazione, intervenendo prontamente su eventuali nuove aree di sosta abusiva che portano sempre con sé degrado, disordine igienico sanitario e senso di insicurezza”.

Dal 30 giugno ad oggi sono giunte al comando 229 richieste di intervento per la presenza di famiglie nomadi. Segnalazioni alle quali sono seguiti controlli che hanno portato a nove sanzioni di rilevanza penale ad altrettanti capifamiglia per la violazione degli obblighi imposti dall’ordinanza. Sono stati inoltre rimossi quattro veicoli, elevate trentuno sanzioni per bivacco e tre per aver lordato il suolo pubblico.

“L’entrata in vigore del decreto sicurezza – ha aggiunto il sindaco, ampliando il discorso – può offrire un importante aiuto, in particolare contro l’odioso fenomeno dell’accattonaggio molesto, che diventa reato. L’impegno dell’amministrazione è quotidiano e sotto gli occhi di tutti. Ognuno, però, deve fare la sua parte. Per questo, anche pensando ai recenti casi di aggressione nei parcheggi cittadini, ho chiesto ad Aim Mobilità un ulteriore sforzo in termini di sorveglianza. Servirà ragionare su telecamere e vigilantes. Bisogna allontanare queste persone dai parcheggi e aumentare nei cittadini la percezione di sicurezza. Di questo ho chiesto di parlare anche al prossimo Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica”.

Prosegue, infine, l’azione di controllo delle zone più critiche della città, da parte della polizia locale. Ieri pomeriggio, a Parco Fornaci, in via Farini, le operazioni di identificazione di otto uomini da parte di una pattuglia hanno portato alla denuncia, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, di un nigeriano di 22 anni, trovato in possesso di quasi 24 grammi di marijuana, che aveva inoltre violato l’ordine del Questore di allontanamento, per tre anni, da Vicenza. Assieme a lui è stato accompagnato al comando di stradella Soccorso Soccorsetto, per l’identificazione, anche un 25enne del Benin, in quanto non aveva con sé di documenti. Staccato anche un verbale per consumo di bevande alcoliche ad un altro 22enne nigeriano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *