lunedì , 13 Settembre 2021

Maltempo, di nuovo piogge in arrivo sul Veneto

Venezia – Dalla serata odierna aumenta in Veneto la probabilità di precipitazioni a partire dai settori meridionali e occidentali, inizialmente sparse in progressiva estensione nel corso della notte fino a diventare diffuse nella prima parte di domani lunedì 5. I fenomeni sono in diradamento, almeno in pianura, da domani pomeriggio. Le precipitazioni, a tratti moderate con locali rovesci o temporali, potranno risultare localmente abbondanti sulle zone montane, specie prealpine, e sull’area pedemontana e della pianura nord-orientale.

Sulla base di queste previsioni il Centro funzionale decentrato della Regione Veneto ha prolungato per la giornata odierna l’avviso di moderata criticità per rischio idraulico e idrogeologico per la giornata odierna, per le aree del Po, Fissero-Tartaro-Canalbianco e Basso Adige e Alto Piave. Di grado inferiore invece (allerta gialla) l’allerta per le aree  dell’Alto Brenta, Bacchiglione e Alpone e Piave pedemontano, Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna.

Per domani 5 novembre allerta ‘arancione’ (cioè di moderata criticità) nel bacino idraulico del Polesine (Po, Fissero-Tartaro-Canalbianco e Basso Adige) per il passaggio dell’onda di piena del Po e nell’area dell’alto Piave, mentre per gli altri bacini montani e pedemontani sino al bacino scolante in laguna l’allerta si ridimenziona in ‘ordinaria’ (gialla).

Le frane del Tessina in comune di Chies d’Alpago e della Busa del Cristo a Perarolo di Cadore (BL), riattivatesi dopo le abbondanti precipitazioni dei giorni scorsi, e la frana del Rotolon in comune di Recoaro (VI), sono soggette a specifico monitoraggio. Permane pertanto l’allerta rossa nei comuni coinvolti dal rischio di movimenti franosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità