Breaking News

Forum Famiglie: “Italia presto un grande ospizio”

Roma – “Siamo in guerra perché, tra qualche anno, l’Italia sarà un grande ospizio. Senza futuro, con un radioso e glorioso passato, e un presente mediocre. Siamo in guerra perché dovremo accettare passivamente il fatto che i nostri figli partiranno, andranno all’estero, emigreranno per necessità e andranno a pagare il debito pubblico di un paese concorrente”. Sono parole di Alessandra Donà, presidente del Forum veneto delle associazioni familiari, pronunciate nei giorni scorsi, a Roma, durante l’assemblea generale associazioni familiari, che si è tenuta presso Palazzo Rospigliosi.

Il problema dell’invecchiamento della popolazione e della mancanza di opportunità per le nuove generazioni, nel nostro paese, è del resto drammatico ormai da tempo. Il Forum delle famiglie, da parte sua, ripete da tre anni che serve in Italia un patto per la natalità. Secondo recenti rilevazioni infatti, quasi il 90% dei giovani italiani desidera avere due o più figli. “Questo significa – mette in evidenza De Paolo – che se questi giovani fossero aiutati a realizzare i propri progetti di vita, non solo la denatalità italiana diventerebbe un problema superato, ma avremmo dato un senso alla loro vita”.

“Quindi – aggiunge – l’obiettivo di riportare la fecondità vicina all’equilibrio generazionale non è impossibile, perché non si tratta di convincere le giovani coppie a far figli, ma semplicemente di metterle nelle condizioni di poterlo fare. In un paese che sta vivendo la crisi demografica più lunga e difficile della sua storia, scopriamo che la seconda causa di povertà è mettere al mondo un figlio. Che le donne sono costrette a nascondere il pancione. Che un figlio da 0 ai 18 anni costa 172 mila euro. Non possiamo accettare il fatto che una famiglia, pur volendo un figlio, abbia paura a farlo. Il reddito di cittadinanza non può essere fatto passare per politiche familiari, come anche i vari bonus bebè, bonus asilo nido, e via dicendo. Il tempo delle analisi è finito, serve una volontà politica chiara”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *