mercoledì , 15 Settembre 2021

Due quartetti d’archi al Teatro Comunale di Vicenza

Vicenza – Secondo concerto, lunedì 26 novembre, alle 20.45, al Teatro Comunale di Vicenza, della stagione concertistica della Società del Quartetto. Protagonisti della serata saranno due prestigiosi quartetti d’archi,  il finlandese Meta4 e lo svizzero Gringolts Quartet, che si si fonderanno per la prima volta in un ottetto eseguendo due capolavori di Mendelssohn e Enescu. Prima del concerto, alle 20 nel foyer del teatro, ci sarà la guida all’ascolto, con il critico musicale Cesare Galla.

“La letteratura musicale – si legge nella presentazione della serata – per l’insolita formazione di ottetto d’archi (quattro violini, due viole, due violoncelli) è assai scarna e tuttavia annovera alcuni capolavori di rara bellezza e di singolare impatto sonoro. Questa è la proposta per il secondo appuntamento della stagione concertistica 2018/19 che vedrà salire sul palcoscenico, per la prima volta riuniti insieme per una tournée italiana di sole cinque date, due fra i migliori quartetti d’archi del panorama europeo”.

Il programma del concerto mette a confronto il giovane Mendelssohn con George Enescu, autentica gloria nazionale rumena. Del primo sarà eseguito l’Ottetto in Mi bemolle maggiore op. 20, lavoro di respiro sinfonico, composto nel 1825 quando il compositore aveva appena 16 anni e considerato dalla critica come una delle sue più riuscite produzioni cameristiche. Questo per la complessità della trama polifonica e la luce di novità che irradia la partitura.

Settantacinque anni più tardi, anche George Enescu affronta, agli inizi della sua carriera, la scrittura per ottetto d’archi, subito dopo aver composto una pregevole Sonata per violino e pianoforte. Anche in questo caso, come in Mendelssohn, si tratta di un brano che segna un punto di svolta nella carriera compositiva del suo autore.

Gli otto artisti sul palco suoneranno altrettanti preziosissimi e antichi strumenti frutto della sapienza artigianale dei liutai italiani: fra i violini ci sono due Stradivari, un Carlo Bergonzi del 1732 e un Camillo Camilli del 1733, fra le viole un Jacobus Januarius del 1660 e fra i violoncelli ascolteremo il suono di un Giovanni Paolo Maggini del 1600 circa e di un raro Lorenzo Storioni del 1780.

Fiore all’occhiello della musica colta finlandese, il Meta4 si è formato nella prestigiosa European Chamber Music Academy, sotto gli insegnamenti di Hatto Beyerle e Johannes Meissl. Vincitrice di numerose competizioni internazionali, la formazione finlandese si è fatta conoscere anche in campo discografico, ed è regolarmente invitato ad esibirsi nei più importanti teatri europei.

Quanto invece al Gringolts Quartet, nato 10 anni or sono, mette insieme quattro musicisti provenienti da esperienze e culture diverse. Ospite regolare di importanti festival cameristici, il Gringolts ha debuttato in sala d’incisione nel 2011 e nelle successive registrazioni è stato premiato con l’Echo Klassik Award (2013) e il Diapason d’Or nel 2016. Biglietti per il concerto anche online su www.tcvi.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità