Breaking News
Neri Pozza
Neri Pozza

Bertoliana, tre incontri per ricordare Neri Pozza

Vicenza – Tre appuntamenti di lettura per la rassegna “Neri Pozza 1988-2018”, iniziativa nata dalla collaborazione tra Biblioteca Bertoliana e Casa editrice Neri Pozza, per ricordare i 30 anni dalla scomparsa dell’artista, scrittore, editore e personaggio di spicco della cultura vicentina e veneta, nato nel 1912 e scomparso nel 1988. Si comincia il 27 novembre, con la presentazione del libro dell’inviato del Corriere della Sera Pier Luigi Vercesi, “Il naso di Dante” (Neri Pozza, 2018). Partendo dalla raffigurazione del naso di Dante che fece Giotto, il libro di Vercesi offre un’interpretazione occulta ed esoterica del più grande letterato italiano del Duecento. A dialogare con l’autore, il poeta e accademico olimpico vicentino Paolo Lanaro.

Il 7 dicembre sarà la volta di un reading, curato dal critico letterario Marco Cavalli e dall’attrice Stefania Carlesso, che darà voce alla poesia scritta e pubblicata da Neri Pozza. L’attività di editore di Neri Pozza inizia per caso nel 1938, quando pubblica il libro di poesie dell’amico Antonio Barolini, “La gaia gioventù e altri versi agli amici”. L’incontro propone un itinerario attraverso la collana “Poesia” che Pozza inaugura nel 1953. Vi pubblica titoli di grande valore: “Pianissimo” di Camillo Sbarbaro, “Stradario della primavera e altre poesie” di Corrado Govoni, “Onore del vero” di Mario Luzi, “Quasi sereno” di Angelo Barile. Nel 1956 fa irruzione nella collana Eugenio Montale con “La bufera e altro”. Lo stesso Pozza vi pubblicò la sua raccolta di poesie, “Il Pegaso caduto e altri versi” (1984).

Il 18 dicembre il ciclo di incontri si chiude con la presentazione del libro della giovanissima Francesca Diotallevi, “Dai tuoi occhi solamente” (Neri Pozza, 2018), vincitrice nel 2015 della Sezione giovani del Premio di letteratura nazionale Neri Pozza. Il romanzo è la biografia di Vivian Maier, bambinaia ma soprattutto fotografa. Diotallevi, che dialogherà con Paola Mazzochin, compone un partecipato ritratto della Maier. Partendo da informazioni scarse e frammentarie, ripercorrendo la sua vita attraverso i suoi scatti, costruendo una storia che mescola fantasia a elementi biografici.

La Biblioteca Bertoliana conserva oggi la memoria di carte di Neri Pozza: qui infatti è stato consegnato nel 2002 l’archivio storico della casa editrice. Esso racconta più di quarant’anni della vita di editore di Neri Pozza (dal 1946 al 1988, anno della sua scomparsa) che ebbe la lungimiranza di conservare tutto ciò che aveva a che fare con i libri che pubblicava: le lettere con gli scrittori (ebbe corrispondenza con Carlo Emilio Gadda, Mario Luzi, Eugenio Montale, Goffredo Parise, Dino Buzzati, Antonio Barolini) e i materiali che documentano le varie fasi di lavorazione delle pubblicazioni (manoscritti originali, menabò, lastre, matrici di incisioni). L’archivio è inventariato e a disposizione per la consultazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *