Breaking News

Basket, Famila Schio ko. Il derby va a Venezia

Schio – Niente da fare per il Famila Wuber Schio nel derby veneto contro le orogranata dell’Umana Reyer Venezia. Al PalaRomare, infatti, ieri sera, le scledensi hanno ceduto il passo, per 62-67, alle lagunari. La gara, in calendario per la quinta giornata di Sorbino Cup, ha visto le ragazze di coach Liberalotto sempre in vantaggio. Solo negli ultimi due minuti le arancioni hanno dato l’idea di poter raddrizzare il match, ma il cronometro ha giocato a favore delle ospiti, che oltre ai due punti, hanno conquistato anche la vetta della classifica della serie A1.

Inizio da dimenticare per Schio, che al terzo minuto ha otto lunghezze da recuperare e, soprattutto, non ha ancora messo a segno un punto, 0-8. A far muovere il tabellone, dalla lunetta, ci pensa Crippa, 2-8, ma il pallino del gioco rimane comunque nelle mani delle veneziane, che al giro di boa del quarto conducono per 4-18. Lavender, Gruda e Gemelos riportano in partita il Famila, 15-18, prima dell’affondo finale delle lagunari, che chiudono la frazione a +7, 16-23.

Steinberga, precisa dalla media distanza e dalla lunetta, riporta in doppia cifra il vantaggio dell’Umana, 16-27. La partita procede a strappi, con le scledensi che lima il suo passivo, 25-31, e Venezia, presa per mano da Gulic, che riallunga, 25-39. Gli ultimi due giri di lancette sono appannaggio delle arancioni, che costruiscono un parziale di 10-0 (Lavender, Gruda, Dotto, Gemelos), che vivacizza l’incontro, 35-39.

Dopo l’intervallo lungo le due compagini faticano a riprendere il ritmo. Ci vogliono infatti quasi due minuti prima che il tabellone si muova, per mano di Gulic, prima, e Steinberga, poi, 35-43. Lavender, fino ad ora poco precisa, infila sei punti (due piazzati e due liberi), che portano il Famila ad un solo possesso dalle ospiti, 41-43. Sul nuovo -2, 43-45, Steinberga e Carangelo realizzano tiri pesanti, che ricacciano indietro le scledensi, 45-56.

Negli ultimi dieci, decisivi, minuti Schio lotta con tutte le sue forze per recuperare, ma la troppa foga si traduce sovente in attacchi confusionari, tiri forzati ed ingenuità. Il più concreto tentativo di invertire la rotta del Famila è tardivo: i canestri di Gemelos e Gruda, infatti, riducono il passivo, 62-67, ma Venezia ha il cronometro dalla sua parte e può gestire i possessi con calma, prima del fischio finale.

Schio: Filippi ne, Fassina, Masciadri ne, Crippa 2, Gruda 11, Battisodo 4, Andrè 7, Dotto 6, Lavender 18, Gemelos 14, Micovic ne

Venezia: Anderson 13, Bestagno 5, Carangelo 11, Gorini 2, Kacerik 2, Crudo ne, De Pretto 5, Steinberga 19, Gulich 10, Gregori ne

Ecco gli altri risultati della quinta giornata:

  • Vigarano – Battipaglia 70-69
  • Ragusa – Lucca 67-56
  • Broni – Empoli 89-65
  • Napoli – Torino 93-59
  • Sesto San Giovanni – San Martino di Lupari 66-54

Classifica: Venezia 10, Schio e Napoli 8, Ragusa, Broni e San Martino di Lupari 6, Lucca, Vigarano e Sesto San Giovanni 4, Battipaglia e Torino 2, Empoli 0

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *